in ,

Rocco Hunt, “Wake Up” testo: il rapper torna tra i “big” di Sanremo 2016

Rocco Hunt porterà a Sanremo 2016 la canzone “Wake up”: ecco il testo della canzone con cui il rapper sfiderà i Campioni in gara sul palco dell’Ariston con un brano che vuole “risvegliare le coscienze”.

Dopo la vittoria per la categoria delle “Nuove Proposte” nel 2014, Rocco Hunt torna sul palco del Teatro Ariston con “Wake up”, una canzone che – come intuibile dal titolo – vuole svegliare o, comunque, “risvegliare le coscienze” del pubblico italiano. Nel brano, queste parole: “In questi giorni ero un po’ triste, ed ho fumato un po’ di più./Mi sono fatto due risate con la politica in Tivvù./Cant’ nsiem’ a nuje… wake up guagliù /Zumbe nsiem’ a nuje… wake up guagliù./Questa generazione non vi crede,/Perché un futuro vero non si vede./Lo stato non ci sente, specialmente a noi del Sud./Un lavoro manca sempre, per fortuna abbiamo il groove./E anche se sto palazzo mo’ cade a pezzi a’ signor’ vo’ semp’ ‘e sold,/E preghiamo ogni giorno sperando ca’ nun se esaurisce a pension’ do’ nonn’./Ogni giorno che abbiam perso forse non ritornerà,/Ma in mezzo a tutto sto bordello sento un pezzo che mi fa’… /Cant’ nsiem’ a nuje… wake up guagliù/Zumbe nsiem’ a nuje… wake up guagliù./Questa generazione ha ancora sete, nonostante voi che c’illudete./Wake up guagliù, scetateve che l’aria è doce./Wake up guagliù, stu stato a nuje cia mise ncroce./Ed alzasse la mano chi non ha futuro/Chi lavora sempre ma non sta sicuro./Wake up guagliù/Wake up guagliù”.

Rocco Hunt continua poi cantando: “Voi parlate di futuro e intanto cade un’autostrada./E nei programmi il pomeriggio imbambolate quest’Italia./Cant’ nsiem’ a nuje… wake up guagliù/Zumbe nsiem’ a nuje… wake up guagliù./Fin quando avremo voce canteremo,/Chi lo fa in stanzetta e chi lo fa a Sanremo./Lo stipendio non arriva, tutti i mesi fa’ ritardo./Noi con la partita Iva, moriremo qua aspettando./E anche se sto paese mo cade a pezzi, o’ guvern’ vo’ semp’ e sold’/E preghiamo ogni giorno sperando che per lavorare non amma ji o’ Nord./Wake up guagliù, scetateve che l’aria è doce./Wake up guagliù, stu stato a nuje cia mise ncroce./Ed alzasse la mano chi non ha futuro/Chi lavora sempre ma non sta sicuro./Wake up guagliù, tutto il tempo che è passato non ritornerà più/Wake up guagliù, se per caso mi addormento allora scitem’ tu’./Wake up guagliù/Wake up guagliù/Un giorno saremo felici, quel giorno io spero che non sia lontano,/Non dimentico mai le radici, perché in questa terra c’è scritto chi siamo.” “Wake Up” si conclude con queste parole “E che futuro avremo noi, cresciuti senza direzione,/Tutti dietro le tastiere, e mo’ chi a fa’ a rivoluzione./Wake up guagliù, scetateve che l’aria è doce./Wake up guagliù, stu stato a nuje cia mise ncroce./Ed alzasse la mano chi non ha futuro/Chi lavora sempre ma non sta sicuro./Wake up guagliù, tutto il tempo che è passato non ritornerà più/Wake up guagliù, se per caso mi addormento allora scitem’ tu’/Wake up guagliù/Wake up guagliù/Sveglia”.

(Foto: Facebook/Rocco Hunt)

Smettere di fumare studio

Smettere di fumare: per la Scienza è possibile farlo dormendo

Lungotevere donna Roma

Roma, donna di 73 anni si butta nel Tevere: salvata da due vigili urbani