in

Rocio Munoz Morales, sulla relazione con Raoul Bova rompe il silenzio stampa: “Abbiamo tanto in comune”

Rocio Munoz Morales, la ventiseinne attrice spagnola, compagna di Raoul Bova in un’intervista a Diva e Donna ha spiegato la sua scelta di stare in silenzio mentre sulle pagine dei giornali rosa impazzava la notizia della sua storia con l’attore italiano: “Quando leggi su di te cose e descrizioni che non ti appartengono, ti chiedi come sia possibile, perché tu non sei quella, sei completamente diversa. Con il mio silenzio, davanti a certe provocazioni, ho voluto comunicare un messaggio di eleganza e di rispetto verso persone coinvolte in questa vicenda. Ho voluto dire tanto senza dire niente. Spero che questo sia arrivato alla gente”.

Prossimamente il pubblico italiano ritroverà Rocio Munoz Morales, nella serie televisiva A un passo dal cielo accanto a Terence Hill. La giovane spagnola spiega che restare a lavorare in Italia è stata una scelta sentimentale, la sua storia con Bova è stata detemninante: “Sul set di “Immaturi 2 – Il viaggio” entrambi eravamo nel cast, era solo recitazione. Lui è un grande professionista e anch’io sono molto seria sul set. Le cose tra noi sono successe molto dopo. Facciamo lo stesso mestiere e ci confrontiamo spesso. Abbiamo tante passioni in comune: la natura, lo sport e aiutare chi è meno fortunato di noi”.

Di sé al settimanale ha svelato di essere maniaca dell’ordine fino all’inverosimile, nel suo armadio le maglie sono riposte per colore e le stampelle rivolte tutte nella stessa direzione e infine confessa che su un tavolo quadrato non poserebbe mai un piatto obliquo agli angoli, ma in parallelo con essi.

Nata e cresciuta in Sicilia. Studi classici e giuridici, lettrice appassionata di poesie e letteratura. Convinta sostenitrice che esiste una seconda possibilità in ogni campo anche per l'Italia.

low cost epifania

Week-end Epifania 2015 sulla neve: offerte last minute e low cost

Veronica Panarello il padre la difende

Omicidio piccolo Loris, il legale di Veronica Panarello attacca l’accusa