in ,

Roma 20enne stuprata nell’androne di un palazzo: aveva conosciuto il suo aggressore al bar

Orrore a Roma: arrestato ieri sera un giovane originario dell’Honduras con l’accusa di stupro ai danni di una 20enne italiana conosciuta poche ore prima al bar.

I due secondo quanto emerso si sarebbero conosciuti la mattina in un bar in via Casilina e successivamente il 23enne fermato le avrebbe chiesto di uscire insieme dal locale. Poco distante, in un cortile condominiale, avrebbe violentato la ragazza. L’honduregno è stato rintracciato e fermato dagli agenti della Squadra Mobile e del commissariato Tor Pignattara, è stato fermato non troppo lontano dal luogo in cui sarebbe avvenuto l’abuso sessuale.

Leggi anche: Omicidio a Cogliate: colpisce l’ex con un martello durante una lite, morto 43enne

La vittima – emerge in queste ore – avrebbe gridato disperatamente durante l’aggressione, tanto da attirare l’attenzione di alcuni condomini e mettere in fuga lo stupratore. Conferma anche il Corriere della sera, che questa mattina era uscia di casa per andare al lavoro e si era fermata in un bar di Tor Pignattara, zona periferica della Capitale, per fare colazione.

Proprio lì ha conosciuto il ragazzo poi trasformatosi nel suo aguzzino. Lui si sarebbe offerto di accompagnarla. In quella circostanza è avvenuto lo stupro: la vittima ha raccontato ai carabinieri di essere stata trascinata con violenza nel sottoscala dell’androne di un palazzo vicino al bar, e presa per un braccio. Il suo aggressore è ora in stato di fermo.

donna uccisa in casa da cliente

Omicidio a Cogliate: colpisce l’ex con un martello durante una lite, morto 43enne

udine omicidio suicidio dal notaio

Piombino: guardia giurata arrestata per omicidio, la confessione