in ,

Roma, 3 evasi dal carcere di Rebibbia: è caccia all’uomo in tutta Italia

Hanno segato le sbarre delle loro celle e poi si sono calati giù annodando le lenzuola con manici di scopa; sembra la scena di un film ma si tratta di quando realmente accaduto ieri sera a Roma al carcere di Rebibbia dove tre detenuti sono evasi facendo perdere le loro tracce. Si tratta di Basho Tesliivan detto Tesi, Mikel Hosanbelli e Ilir Pere, di origine albanese e rispettivamente di 35, 38 e 40 anni.

Tra i tre, Basho Tesliivan è il più pericoloso: era stato condannato all’ergastolo dopo che nel 2008 aveva ucciso Ramona Nicoara e Valerica Dascalu,  una giovane romena di 22 anni ed un suo connazionale di 37, freddandoli con tredici colpi di pistola; Hosanbelli e Pere invece si trovavano in carcere per estorsione e sfruttamento della prostituzione e per tentato omicidio.

Le forze dell’ordine hanno istituito posti di blocco a Roma e in tutta Italia per cercare di catturare i tre evasi; i fuggitivi sono stati abili a sfruttare la situazione, visto che hanno attuato il loro piano di fuga mentre a Rebibbia stavano arrivando alcuni detenuti provenienti dal carcere di Camerino evacuato in seguito al terremoto nelle Marche della scorsa notte. Al momento sono in corso anche le indagini per stabilire se gli evasi sono fuggiti da soli o lo hanno fatto grazie all’aiuto di un complice.

 
 

Grande Fratello Vip, intervista esclusiva a Antonella Mosetti: “Io e Gennaro? Ecco la verità. Il mio pensiero su Giulia De Lellis”

X Factor 2016, Grace Cambria: “Vi racconto la mia esperienza, grazie Rihanna” [INTERVISTA]