in

Roma Film Festival 2013: il “Romeo e Giulietta” di Carlo Carlei non convince

È approdata alla quarta giornata del Roma Film Festival una nuova versione della celebre tragedia di William Shakespeare “Romeo e Giulietta”. Dopo la versione premiata con il Premio Oscar di Franco Zeffirelli del ’68 interpretata da Leonard Whiting e Olivia Hussey e la rivisitazioni nel 1996 di Baz Luhrmann con Leonardo Di Caprio e Claire Danes, l’italiano Carlo Carlei ha curato la regia di questo nuovo film. Romeo and Juliet2


Il “Romeo and Juliet” di Carlei si limita ad una riuscita ricostruzione scenografica girata tra Subiaco e Caprarola nel Lazio, tra Cinecittà, Mantova e Verona con dei costumi  splendidi realizzati da Carlo Poggioli. Il regista ha spostato il passaggio temporale della tragedia dal Medioevo al Rinascimento ma non è di nessuna utilità. Per la Swarowsky Entertainment questa è la sua prima produzione di un film e la supervisione della costumista Milena Canonero, vincitrice di numerosi Academy Awards, che è anche co-produttrice.

Anche se i protagonisti s’impegnano non riescono a  convincere rendendo tutto il film assurdo ed innaturale. Douglas Booth, porta sullo schermo la sua bellezza eterea e femminea mentre Hailee Steinfeld, 17enne che nel 2010 è stata candidata agli Oscar grazie a “Il Grinta”, è ancora troppo acerba ed immatura.  I due protagonisti, algidi e distanti , non riescono ad essere credibili. Paul Giamatti e Damien Lewis, in piccoli ruoli, riescono  invece ad essere convincenti.

 

 

Seguici sul nostro canale Telegram

la ragazza con l'orecchino di perla mostra Bologna 2014

La ragazza con l’orecchino di perla vende 3.000 biglietti in un’ora

Apple e GT Advanced Technologies: partnership per lo zaffiro