in

Roma Film Festival 2013: Rooney Mara e Joaquin Phoenix hanno presentato il visionario “Her”

Terza giornata al Roma Film Festival, che si sta svolgendo all’Auditorium Parco Della Musica e durante il quale è stato presentato, nella selezione ufficiale, in Concorso di questa ottava edizione  “Her”, ultimo film di Spike Jonze.  Gli interpreti Rooney Mara e Joaquin Phoenix  si sono presentati sorridenti e  rilassati alla photo call, sorprendendo gli addetti ai lavori e i fotografi presenti. Infatti è notorio il carattere introverso di quest’ultimo e le sue stranezze e la sua ritrosia nel concedere interviste. Her2

In questa fredda e piovosa domenica romana le co-star sono state raggiunte dal regista visionario e surrealista Spike Jonze che ha anche scritto la sceneggiatura. “Her” parla di uno scrittore solitario che sviluppa una relazione insolita, fino ad innamorarsi del suo nuovo sistema operativo appena comprato e che ha la voce sensuale di Scarlett Johansson atta a soddisfare tutti i suoi bisogni.

Joaquin Phoenix si è mostrato molto disponibile e ha persino scherzato sul suo ruolo raccontando di come sia stato folgorato dopo la lettura dello script, che gli è stato passato dalla sorella e che è la sua manager. Lo stesso regista Jonze ha voluto raccontare e commentare la sua ultima pellicola: una storia che tratta temi sui quali ha riflettuto a lungo e verso i quali ha fornito una valutazione un po’ faraginosa. Il modo in cui si vive e di come si gestiscono i rapporti umani non sempre semplici. Quella che ha dovuto combattere molto per la parte è stata Rooney Mara. Quest’ultima dopo la lettura della sceneggiatura  ne è rimasta entusiasta ma per Spike non era adatta perché troppo giovane. Ma quando si sono incontrati lei è riuscita a convincerlo che la ‘forza interiore’ del suo personaggio era senza tempo.

 

 

 

 

 

Seguici sul nostro canale Telegram

Cipolla che non fa piangere

Salute, nasce in laboratorio la cipolla che fa bene al cuore

UeD Trono Over

Anticipazioni Uomini e Donne: al Trono Over non solo polemiche