in ,

Roma-Juventus risultato finale: 2-1, sintesi e higlights Serie A

Parte con un passo falso la prima per la Roma che impatta contro il muro costruito da Mandorlini e non riesce a mostrare interamente il suo valore. Partita brutta, sbloccata con qualche guizzo e nulla più. Sono gli scaligeri a partire forte e la prima occasione di questa Serie A è di Juanito Gomez. La Roma prova a reagire ma con poca incisività. Troppo lento il fraseggio che consente alla squadra veronese di compattarsi e chiudersi in difesa. Ecco la sintesi e gli highlights di Roma-Juventus.

CLICCA QUI PER LEGGERE TUTTE LE NEWS SULLA SERIE A 2015-2016.

Garcia scende in campo con Szczesny, Florenzi a destra, Manolas e De Rossi al centro e Digne a sinistra, a centrocampo Keita, Nainggolan e Pjanic mentre in attacco punta su Dzeko, Salah e Iago Falque. Allegri risponde con Buffon tra i pali, Caceres, Bonucci e Chiellini in difesa, Lichsteiner, Sturaro, Padoin, Pogba ed Evra, mentre in attacco si affida a Mandzukic e Dybala. I giallorossi partono subito forte e al 1′ minuto di gioco Florenzi cade in aria di rigore per un contatto molto dubbio. Rizzoli, comunque, lascia correre ma è la Roma a fare la partita. La Juventus prova a ripartire ma non riesce ad essere concreta. Pjanic prende un gran palo su tiro da fuori aria ma il risultato di Roma-Juventus resta fermo sullo 0-0.

Nel secondo tempo esplode la partita: prima Pjanic pennella una punizione imparabile, poi Dzeko mette la palla in fondo al sacco con un colpo di testa. Gol entrambi bosniaci quelli della Roma. La Juve agguanta il gol della bandiera all’87’ con Dybala. La partita finisce così: 2 a 1 in favore della Roma. Giallorossi che volano a +4 sui bianconeri!

Written by Giuseppe Cubello

Studente all'Università Magna Graecia di Catanzaro. Innamorato dello sport. Sogno di diventare presto giornalista pubblicista.

Apple iPhone, iMac, iPad e iPod: come richiedere 2 anni di garanzia

Sony Xperia Fotocamere selfie

Le 5 migliori fotocamere smartphone ‘da selfie’ Settembre 2015: Samsung Galaxy, Sony Xperia, LG, HTC e Motorola