in ,

AS Roma lancia “Football Cares”: Pallotta in prima linea per aiutare i rifugiati

Football Cares“, ovvero 575mila euro iniziali per far fronte all’emergenza rifugiati. L’iniziativa è partita dalla Roma e punta ad allargarsi anche agli altri club calcistici, alcuni dei quali hanno già intrapreso iniziative autonome di sostegno a quanti scappano dalle zone ad alto rischio.

Abbiamo già partecipato attivamente in Italia in alcuni progetti di aiuto ai rifugiati, ma dopo aver visto le immagini provenienti dall’Europa e dal Medio Oriente nell’ultima settimana, abbiamo pensato che l’AS Roma dovesse fare molto di più e così abbiamo accettato questa nuova sfida e questa responsabilità. La cultura di questo sport si fonda sulla rivalità, ma ora abbiamo una grande opportunità globale nel calcio per unirci ed avere un impatto veramente importante”, ha dichiarato il presidente giallorosso James Pallotta. L’intento di questa nuova iniziativa non è quella di aggiungersi a quelle già messe in atto, ma di creare una nuova piattaforma per riunire tutta la comunità calcistica. Per ora hanno aderito all’iniziativa Fiorentina, Torino, Bologna, Lega Serie A e B.

Per aumentare i fondi dell’iniziativa, cui hanno già contribuito oltre alla società giallorossa anche gli investitori e il Presidente Pallotta, sono state messe all’asta anche tre maglie indossate da Francesco Totti, Miralem Pjanic e Edin Dzeko, oltre a quella indossata da Alessandro Florenzi, domenica scorsa contro la Bulgaria.

Interruption venezia 2015

Mostra del cinema di Venezia 2015: presentato “Interruption”, il film di Yorgos Zois

claudio caligari valerio mastandrea

Non essere cattivo di Claudio Caligari recensione, Venezia 72