in

Roma-Lazio: gestaccio di De Rossi dopo il gol annullato a Klose (video)

E’ il solito De Rossi, lui dice di essere maturato da quando era un “pischello”, da quando una gomitata a McBride gli fece saltare parecchie partite del Mondiale 2006, ma da quello che fa non sembra proprio.

Eppure adesso ha trent’anni, ma soprattutto è padre di una bellissima bambina e come figura paterna dovrebbe dare il giusto esempio, ma il De Rossi del derby di Domenica è un esempio da evitare nettamente.

Il derby è sempre stata una partita sentita, soprattutto per chi è nato e vissuto a Roma ed ha tifato sempre per gli stessi colori, cioè quelli giallorossi.

Daniele De Rossi

E’ una partita sentita ma deve essere giocata sempre nel segno della sportività e del Fair Play, non è andata proprio così. La Roma Domenica ha vinto per 2 a 0 contro la Lazio, per Daniele è stata una Domenica fantastica ma potrebbe trasformarsi in un incubo perchè ci sono alcuni episodi che vanno esaminati attentamente prima di prendere provvedimenti: il primo è uno schiaffo a Lulic, reo di essere caduto dopo un contrasto proprio con il romano, quest’ultimo invece di offrigli una mano per alzarsi dal terreno gli ha rifilato uno schiaffone.

Lulic è rimasto a terra per un pò. L’altro episodio, ancora più eclatante, che ha fatto esplodere l’ira di tifoseria e squadra laziale è quello commesso dopo il gol annullato a Klose; il tedesco aveva realizzato il gol che aveva accorciato le distanze dopo il gol su rigore di Ljajic, ma è stato annullato per fuorigioco, a quel punto sempre De Rossi per “festeggiare” ha portato le braccia aperte all’altezza del membro, un gesto di cattivo gusto e ancora da definire se fosse rivolto alla tifoseria della Lazio o all’intera squadra, tra i quali figurano anche suoi compagni di nazionale, fatto sta che il gesto è da condannare e prima o poi la giustizia sportiva si attiverà e prenderà le giuste sanzioni.

Ecco il video:

Seguici sul nostro canale Telegram

Leopardi il “Il Giovane Favoloso” con il Volto di Elio Germano

Sparito l’allenatore del Brescia Giampaolo, Corioni: “Il nuovo mister sono io”