in ,

Roma news, Totti e 28 marzo 1993: dal debutto verso l’epilogo finale [GALLERY]

Era il 28 marzo 1993 quando Francesco Totti faceva il suo debutto con la maglia della Roma, la squadra che lo avrebbe fatto emergere, esplodere e consacrare come uno dei calciatori italiani più forti di tutti i tempi. Precisamente l’88 di un Brescia-Roma, finito 0-2 per i giallorossi, quando mister Boskov lo chiamò dalla panchina per entrare a sostituire Ruggiero Rizzitelli, permettendogli di calcare a meno di 17 anni per la prima volta i campi di Serie A.

Da quel momento in poi Francesco Totti non smise più di stupire il mondo, con giocate sopraffine e ai limiti del paranormale. I numeri parlano da soli: 594 presenze e 244 gol all’attivo con la maglia della Roma in Serie A. É al secondo posto in clasifica dei marcatori del campionato italiano ed è uno degli 8 calciatori di sempre ad aver messo a segno almeno 300 reti a livello professionistico. Totti vanta anche il record di essere stato nominato per ben 5 volte come il migliore calciatore italiano agli Oscar del calcio AIC.

Nel 2004 è entrato a far parte della FIFA 100, l’elenco dei 125 calciatoori viventi più forti selezionati nientemeno che da Pelé. All’età di 38 anni e 59 giorni, Francesco Totti è entrato nella storia della Champions League come il calciatore più anziano ad aver messo a segno un gol nella competizione, col famoso cucchiaio rifilato ad Hart contro il Manchester City. Tutto questo con la maglia della Roma.

Inutile citare la Coppa del Mondo vinta nel 2006 con l’Italia, lo Scudetto storico portato a Roma nel 2001, le due Supercoppa italiane del 2001/2002 e del 2007/2008 e le due Coppa Italia del 2006 e del 2007. Una carriera di gioie e dolori per Francesco Totti, una carriera con un unico amore, quello della Roma. A quasi 40 anni, adesso, sembra arrivata ai titoli di coda la carriera infinita di uno strepitoso calciatore che, comunque vada, resterà nella mente di tutti gli amanti del calcio.

Lo hanno dimostrato anche al Santiago Bernabeu qualche settimana fa, quando Francesco Totti ha tolto la casacca per fare il suo ingresso nella partita di Champions League. Standing ovation emozionante con oltre 50.000 applausi per un simbolo del calcio italiano, che valgono molto più di mille parole. Probabilmente un calciatore come Totti non lo si vedrà mai più, godiamocelo, finché siamo in tempo.

Spettacolo "Psychiatric Circus" a Bologna, recensione

Psychiatric Circus a Bologna, recensione: quando la follia merita i suoi applausi

oroscopo maggio capricorno

Oroscopo Paolo Fox Aprile 2016, Capricorno: le previsioni del segno