in ,

Roma omicidio Camilluccia, Silvio Fanella doveva essere rapito: trovato il tesoro che allarga il giallo

Roma, omicidio in zona Camilluccia: crescono di ora in ora i dettagli sull’agguato in via dei Gandolfi, nel corso del quale è stato assassinato Silvio Fanella. Il raid dei tre uomini avrebbe dovuto essere un sequestro di persona, ma si è trasformato in una sparatoria, nel corso della quale è morto Silvio Fanella, legato alla maxi truffa Telecom Sparkle-Fastweb. La ricostruzione degli inquirenti è ancora parziale e si aggiunge a quanto emerso stamane: le forze dell’ordine e gli carabinieri del Ros, hanno eseguito le perquisizioni di rito nell’appartamento di Fanella. Qui hanno trovato un vero e proprio tesoro. Diamanti, denaro e orologi preziosi. La casa della vittima è in provincia di Frosinone.

truffa telecon-fastweb polizia

A quanto è emerso, Silvio Fanella viveva in via dei Gandolfi, in zona Camilluccia a Roma con una parente e i suoi figli, ma aveva residenza in provincia di Frosinone. A Roma, gli aggressori si sono presentati nell’appartamento spacciandosi per agenti della Guardia di Finanza, con l’intenzione di rapire Fanella. L’uomo avrebbe dovuto testimoniare oggi ad un processo ed è stato condannato lo scorso anno a 9 anni di domiciliari per la truffa Telecom Sparkle. L’irruzione, però, ha subito preso una svolta di sangue.

Quando ha aperto la porta, Silvio Fanella si sarebbe trovato davanti gli aggressori e avrebbe aperto il fuoco ferendo uno dei tre. Ora è ricoverato in gravi condizioni al Policlinico di Roma. E’ legato a Casa Pound, movimento di estrema destra. Immediatamente dopo, però, Silvio Fanella è stato ucciso da un colpo di pistola. La parente si sarebbe messa ad urlare e i due aggressori illesi sono scappati a bordo di una Fiat Croma. In tutta Roma è caccia agli assassini.

Offerte di lavoro a Pompei, nel sito archeologico

Mario Balotelli Mondiale Brasile 2014

Calciomercato Milan, Mario Balotelli, Silvio Berlusconi e il sogno Ezequiel Lavezzi