in ,

Roma scambio di bare: cremato il defunto sbagliato nel cimitero Prima Porta

Increscioso ‘incidente’ a Roma, nel cimitero di Prima Porta, l’unico dove si effettuano le cremazioni. Da un caso di omonimia (stesso nome e cognome e stesso mese di nascita, agosto) si è addirittura arrivati allo scambio di tomba e conseguente cremazione della salma sbagliata. Faccenda assurda che non ha precedenti. I defunti avevano stesso nome e cognome, ed erano quasi coetanei, uno di 90 e l’altro di 92 anni. Quando gli operatori si sono accorti della madornale confusione fatta, ormai era troppo tardi.

Le bare dei due uomini erano poste l’una accanto all’altra, su ognuna la targhetta con i rispettivi dati anagrafici, ma una sostanziale differenza: uno di loro era destinato alla cremazione, l’altro ad essere tumulato in un loculo, come disposto dalle famiglie. Peccato le cose siano andate nella maniera opposta.

Caos e ira in cimitero quando la verità è avvenuta a galla: parenti furiosi, lacrime, rabbia. Ma ormai era tutto inutile, il forno crematorio era già stato azionato e non era più possibile tornare indietro. “Si è trattato di un errore umano” – ha giustificato l’Ama (azienda rifiuti che si occupa anche di cremazioni) con un comunicato per porgere le sue scuse ai familiari dei defunti coinvolti –  “il 21 aprile (giorno dell’accaduto ndr) una grave inadempienza delle procedure di controllo ha fatto sì che venisse avviata a cremazione la salma errata. Si è trattato di errore umano, in quanto gli operai in servizio hanno controllato la tabella con il nome e cognome, senza verificare la data di nascita…”. Intanto è stata aperta un’inchiesta.

Cimitero, bara – Foto Shutterstock

internet day livorno

Internet Day, a Livorno si celebrano i primi 30 anni di internet in Italia

50 sfumature grigio grey e l james

50 Sfumature di nero, Christian Grey e i ringraziamenti: “Mi ha salvato la vita”