in

Roma, sgombero ex-Penicillina «Orribile, finiva sempre con risse e coltellate». E a Salvini dicono: «Dov’eri prima?» [VIDEO]

E’ in corso da questa mattina all’alba lo sgombero dell’ex fabbrica della Penicillina a Roma. Un ambiente degradato, dimora abituale di senza tetto e covo di microcriminalità. Emergono in queste ore testimonianze dirette della difficile situazione in cui versava l’ex insediamento industriale, posto alla periferia della Capitale lungo la via Tiburtina. «È orribile vivere qua dentro, spesso le persone litigavano e finivano a darsi le coltellate. Per questo dico che questo sgombero e’ normale, perché qui non si può vivere», racconta all’AdnKronos, Diop, migrante senegalese che viveva da sei mesi nella ex fabbrica.

Roma, sgombero ex-Penicillina «Orribile, finiva sempre con risse e coltellate». E a Salvini dicono: «Dov'eri prima?»

«Sono in Italia da 22 anni – ha detto – Vivevo qui da sei mesi, c’erano anche italiani e romeni. Sono andato via dal mio paese a 16 anni e non mi fa paura essere sgomberato però devo sistemarmi in
qualche modo, non posso vivere in strada. Dovrebbero aiutarci a trovare lavoro». La storia che racconta Diop è purtroppo simile a molte altre che non vengono in luce, in decine di altre città italiane da Nord a Sud, segnale di un disagio ormai profondo che vive una parte della popolazione italiana, non solo immigrata. Situazione aggravata dal clima di “caccia alle streghe” che vivono molti immigrati in seguito ai terribili fatti di cronaca degli ultimi mesi in cui sono rimasti coinvolti cittadini stranieri.

penicillina roma sgombero

«In Italia c’è un clima di razzismo – ha sottolineato Diop che racconta di aver anche salvato un italiano nel 2009 – Ero a Piramide quando un ragazzo si è lanciato sui binari della metro – ha detto – io mi sono buttato sui binari e l’ho tirato su, rischiando la mia vita, poi l’ho anche accompagnato al pronto soccorso». Storie da un’Italia diversa, distante da quella che appare sotto gli occhi di tutti ogni giorno ma non per questo meritevole di attenzione solo in occasione di sgomberi e operazioni di polizia. Intanto la Questura di Roma ha reso noto che sono state circa 40 le persone sgomberate alla ex-Penicillina. In mattinata è arrivato sul posto anche il ministro dell’Interno Matteo Salvini, che si è pure preso qualche grido di disapprovazione: “Dov’eri prima?” gli avrebbe gridato uno dei residenti della zona.

Leggi anche –> Morte Desirée Mariottini: fermato italiano, le avrebbe fornito la droga letale

Terremoto oggi Bergamo, Brescia, Cremona: scossa magnitudo 2.5 a Pumenengo

Corinaldo, morti in discoteca: indignazione per il doppio concerto di Sfera Ebbasta