in

Roma, vietato sedersi sulla Scala di Trinità dei Monti, Sgarbi: «Provvedimento quasi fascista!»

«Signore, si alzi, c’è un regolamento!», così si è sentito ammonire da un agente della polizia locale un cronista dell’Adnkronos«È vietato sedersi a Trinità dei Monti!». I turisti storcono il naso, ma non hanno alternativa, così a ruota obbediscono ai tanti caschi bianchi che vigilano sulla scalinata di 135 gradini di Trinità dei Monti, patrimonio dell’Unesco. 

Roma, vietato sedersi sulla Scala di Trinità dei Monti

Si tratta di un divieto frutto delle disposizioni contenute nel nuovo regolamento di polizia urbana rilasciato dal Campidoglio, che contiene anche quello di mangiare a ridosso dei monumenti di pregio, di bere attaccandosi ai ‘nasoni’ delle fontane. Una scelta che ha suscitato l’approvazione di alcuni, ma soprattutto il malcontento di molti. Le sanzioni “anti-bivacco” variano dai 160 ai 400 euro e per fare rispettare il divieto i vigili fischiano continuamente: «Si può soltanto transitare!», ripetono le autorità ai tanti turisti giunti da ogni parte del mondo per ammirare lo splendido monumento. «Capisco chi mangia, ma perché non ci si può più neanche sedere, è assurdo!», spiega Marcos Morales, un messicano venuto a Roma in vacanza. 

«Provvedimento eccessivo, quasi fascista!», Sgarbi tuona contro la decisione del Comune

La disposizione non piace nemmeno a Vittorio Sgarbi: «Provvedimento eccessivo, quasi fascista. Va bene la tutela del monumento, ovviamente il fatto che non si possa mangiare sui marmi, ma il divieto di sedersi è davvero eccessivo. Mi sembra un provvedimento di stampo fascista che il Comune sarà costretto a rivedere. Perché da che mondo è mondo il viaggiatore di passaggio si siede sui gradini e si ferma ad ammirare il paesaggio!», ha tuonato il noto critico d’arte, contrario anche alla proposta avanzata da più parti, già nel 2016, a seguito del Restauro finanziato dalla Maison Bulgari, di chiudere di notte la Scala di Trinità dei Monti con una cancellata: ‘È una idiozia, la scalinata in quanto tale deve rimanere aperta al passaggio il giorno e la notte!’». Dello stesso avviso Claudio Pica, presidente di Fiepet Confesercenti Roma, che ha dichiarato: «È giusto l’anti-bivacco, ma questa è una norma assurda che penalizza e allontana i turisti: se continuiamo a trattarli così riduciamo la loro permanenza a Roma, che oggi è in media di poco superiore ai due giorni. Manca una cabina di regia per sfruttare al meglio le potenzialità della città. Se continuiamo con queste politiche di falso decoro Roma perderà la possibilità di scalare le classifiche dell’attrattività turistica».

Roma, Trinità dei Monti: Gianni Battistoni entusiasta per la nuova misura “anti-bivacco”

Di opinione opposta è invece lo stilista Gianni Battistoni, presidente dell’associazione via Condotti. «Questa misura è un piccolo recupero di civiltà, la scalinata è un capolavoro di arte, su tutti i capolavori non ci si siede. Altrimenti non è possibile godere della bellezza del paesaggio perché ci sono le persone accampate!», ha dichiarato entusiasta il volto noto dalla moda, che ha aggiunto: «Siccome per controllare chi mangia o beve liquidi che rischiano di danneggiare i marmi ci vorrebbe un vigile per ogni persona è meglio è che sia vietato sedersi. Uno transita, passa e va via. Finalmente possiamo dire che la scalinata è stata restituita alla città. È un fatto positivo. Stamattina sono passato di lì e la vedevo già rinata! (…) Cerchiamo di sostenere questo provvedimento che finalmente tutela la piazza. Bene ha fatto il Campidoglio!». 

leggi anche l’articolo —> Maltempo al Nord Italia, Casargo: valanga di fango sfollate 200 persone

Written by Cristina La Bella

Cristina La Bella è redattrice di "UrbanPost". Sin da bambina sogna di diventare giornalista. Si laurea nel 2014 in "Lettere Moderne" e nel 2017 in "Filologia Moderna" all'Università La Sapienza di Roma. Il 16 aprile 2018 riceve il riconoscimento di "Laureato Eccellente" per il suo percorso di studi. Cofondatrice di "Voci di Fondo", ha scritto, tra i tanti, con giornali quali "Prima Pagina Online", "Newsly", “SuccedeOggi" e “LuxGallery”. Nel tempo libero le piace leggere, vedere film e fare shopping. Il più grande amore: i suoi nipotini.

Maltempo al Nord Italia, Casargo: valanga di fango sfollate 200 persone

Alessandra Amoroso “innamorata” di Jovanotti: «E’ il mio idolo»