in ,

Rosy Abate la serie quando inizia: ecco le ultime anticipazioni

Grande attesa per l’arrivo sui canali Mediaset di Rosy Abate la serie, fiction che sarà dedicata al personaggio televisivo che negli ultimi anni ha appassionato milioni di italiani e che è stata interpretata dalla bravissima Giulia Michelini. La serie televisiva costituisce uno spin off di Squadra Antimafia, che molto probabilmente non andrà più in onda. Quando inizia Rosy Abate la serie? Slitta la data della prima puntata della fiction, prevista per aprile 2017. La serie televisiva dedicata a Rosy Abate andrà in onda a settembre 2017.

Si tratterebbe di una strategia da parte della Mediaset, dopo gli insuccessi con Il bello delle donne… alcuni anni dopoAmore pensaci tu, sposato addirittura in seconda serata. Ad aprile prenderà il via L’onore e il rispetto – ultimo attoSquadra Mobile 2, mentre a settembre è prevista la messa in onda di Rosy Abate la serie e di Le tre rose di Eva 4. Vedremo se il Biscione riuscirà a rialzare la china dopo gli ascolti scadenti degli ultimi mesi.

La trama di Rosy Abate la serie sarà incentrata ovviamente sulla storia della protagonista di Squadra antimafia. Dopo cinque anni, Rosy non è assolutamente morta, è uscita dal convento ed è pronta per vendicarsi e trovare finalmente il figlio Leonardo. Tra i protagonista anche De Silva, in un ruolo totalmente inedito.

>> LE ULTIME NOTIZIE SU ROSY ABATE LA SERIE, LO SPIN OFF DI SQUADRA ANTIMAFIA <<

Written by Vincenzo Mele

Nato a Napoli il 13 Agosto 1996, si è diplomato al Liceo Classico Adolfo Pansini, in Napoli. Attualmente frequenta la facoltà di Lettere moderne all'Università Federico II di Napoli. Giornalista pubblicista iscritto all'Ordine dei giornalisti della Campania. Si occupa di sport, tv e gossip.

parlamento londra spari

Londra spari davanti al Parlamento: ci sarebbero feriti, assalitore ucciso da polizia (VIDEO)

riforma pubblica amministrazione, riforma marianna madia, riforma pubblico impiego, impiegati pubblici licenziamento

Licenziamenti disciplinari pubblico impiego: cosa cambia nel 2017