in ,

Rovazzi nuovo singolo: da fenomeno social a disco d’oro, perché fa successo?

Fabio Rovazzi è il nuovo fenomeno social che ha sfondato quest’estate con il suo primo singolo dal titolo ‘Andiamo a comandare’. Con la sua prima canzone si è aggiudicato persino un disco d’oro. Ora, in meno di 24 ore, il suo secondo ‘prodotto’, come lui stesso definisce i suoi video, ha totalizzato quasi 2 milioni di visite. Molti si staranno chiedendo per quale motivo tutto questo seguito; le persone hanno pessimi gusti musicali o stiamo diventando sempre meno acuti? Nulla di tutto questo, il problema è che Rovazzi dev’essere prima capito.

Da un’intervista rilasciata all’Ansa, ciò che emerge di questo ragazzo è una conoscenza ampia del mondo dello spettacolo straniero, in particolare angloamericano. Comicità e satira sembrano di casa nelle produzioni del videomaker e le influenze, dai Monty Phyton ai The Lonely Island, sono tangibili nelle sue produzioni. Nato e cresciuto nel quartiere di Lambrate, a Milano, il 18 gennaio 1994, dopo aver abbandonato il liceo artistico, è emerso da autodidatta nel 2014 con i suoi video sarcastici e con produzioni di videoclip per altri artisti, fra i quali il rapper Fred De Palma. Nell’estate 2016 ha dominato le classifiche con il singolo ‘Andiamo a comandare’, mentre ora sembra voler ripetere il successo con ‘Tutto molto interessante’.

Come lui stesso ha precisato, però: “Siamo una nuova generazione di creativi che comunicano, a volte il fastidio che si prova per il successo è incomprensione del prodotto: tanti maker fanno video solo per divertirsi e si ritrovano la fama senza volerla“. Rovazzi non è un musicista e non ambisce a esserlo, è un videomaker che usa la comicità come un mezzo e, a proposito del suo primo singolo, ha detto: “Sono contento che sia diventato virale un prodotto che ha come messaggio celato quello di potersi divertire senza sballarsi con l’alcol o le droghe“. Il perché del suo successo? Forse è più semplice di quanto non sembri: è semplicemente un buon videomaker che ha capito su quale perno fare leva per veicolare i suoi messaggi; nel caso dei due singoli è bastato un semplice modo di dire. Servirà altro tempo per poter dire se effettivamente il fenomeno Rovazzi porterà a qualcosa di più originale o se cadrà nel dimenticatoio, fagocitato dalla sua stessa ripetitività, come è successo ad altri ‘artisti’.

Uomini e Donne anticipazioni e news

Uomini e Donne Maria De Filippi e la verità sul trono gay: “Il bacio tra Claudio e Mario non sarà censurato”

Domenica live Andrea Damante

Andrea Damante a Domenica Live: l’attacco di Karina Cascella