in

Rovigo, anziani maltrattati in una casa di riposo: nove arresti 

Insulti, maltrattamenti e botte, violenze fisiche e verbali hanno dovuto subire gli anziani ospiti in una casa di riposo di Rovigo. La polizia ha eseguito 9 misure cautelari nei confronti degli operatori socio sanitari e inservienti che lavoravano presso la struttura assistenziale incriminata, con l’accusa di reiterati maltrattamenti nei confronti dei soggetti non autosufficienti. Le vittime hanno dovuto sopportare vessazioni e sevizie di ogni tipo.

Rovigo, anziani maltrattati in una casa di riposo: nove arresti

Si rabbrividisce a pensare alla crudeltà con cui gli ospiti della casa di riposo di Rovigo sono stati trattati: l’operazione della polizia ha preso il via grazie da alcune dichiarazioni del personale della struttura stessa che, in presenza di comportamenti violenti, non ha esitato ad allarmare le forze dell’ordine. Le testimonianze verosimili hanno trovato riscontro nelle intercettazioni ambientali: tutto vero. Per questo nove operatori socio sanitari e inservienti sono finiti in manette. Come si legge su “Il Resto del Carlino”: “Il gip ha applicato a tutti gli indagati la misura interdittiva del divieto di svolgere attività professionali di dipendenti in strutture sanitarie, socio sanitarie e socioassistenziali, ritenendo “concreto” ed “attuale” il pericolo di reiterazione della condotta criminosa”. Ulteriori dettagli in merito a questa triste vicenda saranno dati nel corso della conferenza stampa che si terrà alle ore 11 in Questura.

Altri due casi soltanto nel mese di luglio

Quello della casa di riposo di Rovigo non è purtroppo un episodio isolato. Nel mese scorso fatti del genere si sono moltiplicati: ad inizio luglio è stata scoperta un’altra casa degli orrori nel cuneese, la struttura di riposo Ospedale Santo Spirito di Cortemilia. In quel caso erano state smascherate, grazie ad alcune telecamere di video sorveglianza, due donne rumene, responsabili di maltrattamenti e lesioni aggravate ai danni di alcuni ospiti della struttura sanitaria. Anche malati di Alzheimer venivano trattati con brutalità in una casa di riposo a Ragusa. Violenze gratuite e inaudite: spintonavano gli anziani, li insultavano e umiliavano con frasi tipo: «Mi fai schifo, puzzi come una bestia!». Cambiano le città, ma purtroppo il copione resta lo stesso. E viene da chiedersi come si possa porre rimedio.

leggi anche l’articolo —> Ragusa, violenze su anziani e malati in casa di riposo: ‘stanati’ dalle telecamere

Grecia, incendio immane sull’isola di Evia: villaggi evacuati, si lotta contro il tempo

ferragosto 2019

Ferragosto 2019: cosa fare? 7 idee last minute e low cost