in

Roxy bar, il locale di Bologna cantato da Vasco abbassa le saracinesche

Dopo che Vasco Rossi lo citò nel celebre  pezzo “Vita Spericolata” del 1983, cantato a squarciagola da migliaia di adolescenti, in tanti hanno deciso di farsi immortalare davanti allo storico locale vicinissimo alle Due Torri, nel cuore del centro storico di Bologna.

Vasco Rossi

Sì, stiamo parlando di lui: il mitico Roxy Bar, nominato anche nelle guide turistiche della città. Eppure pare che anche questo locale dalla fama imperitura sia destinato a chiudere i battenti.

A renderlo noto – attraverso le pagine del Resto del Carlino – è lo stesso titolare del bar, Salvatore Giovinazzo, il 42enne di origini cosentine che l’aveva rilevato nel 2012. Costi elevati e incassi sufficienti: sono queste le ragioni che spingerebbero l’uomo ad abbassare le saracinesche.

Sul muro campeggiano ancora le tante firme lasciate dai fan di Vasco. E pensando al futuro con un velo di malinconia, ci viene da chiederci, proprio fece il Blasco, se un giorno ci troveremo (di nuovo) “come le star a bere del whisky al Roxy bar”.

(fonte: Il Resto del Carlino; autore dell’immagine principale: Revol Web, da Flickr.com) 

Written by Corinna Garuffi

Trentun anni, laureata in Scienze della Comunicazione, lavora da anni nel sociale. Da sempre alla ricerca di notizie inerenti al mondo del volontariato e alle opportunità offerte dell’Unione Europea, è anche appassionata di fotografia, arte e cucina. Indossa per la prima volta le vesti di blogger.

Conversazioni d’Europa, rassegna di eventi a Bologna

pattini a rotelle

Ventimiglia: ladro in pattini a rotelle ripulisce una gioielleria