in

Royal Baby, Antonio Caprarica: «È una celebrità! Un Windsor mulatto non si è mai visto prima!»

Per le persone come appassionate delle vicende dei Windsor la voce narrante è una sola: quella di Antonio Caprarica, giornalista classe 1951, che è stato per anni corrispondente da Londra per il Tg 1. Nessuno come lui ha saputo raccontare le vicende della Royal Family: dal matrimonio di Lady D con Carlo al divorzio tra i due, dalla nascita di William e Harry, al funerale della principessa triste. Raggiunto dall’Huffington Post Antonio Caprarica ha commentato la nascita del primogenito di Meghan Markle e del principe Harry, un evento che si è svolto non seguendo l’etichetta e destinato a cambiare la storia della monarchia inglese.

«Non parliamo di un Royal Baby, ma di una celebrità!»

Innanzitutto il giornalista si guarda bene dal chiamarlo Royal Baby: «Non parliamo di un royal baby, ma di una celebrità. Sbagliato pensare al passato o concepirlo come reale: è settimo in linea di successione al trono, diventerebbe re solo se dovesse esserci un’epidemia di peste che sterminasse tutti i predecessori. Da una ribelle come Meghan, poi, ci si aspettava una figlia femmina, che portasse il nome di Diana, ma così non è stato!», ha affermato Antonio Caprarica, che  sulle origini afroamericane dell’ex attrice e sul fatto che il nascituro non sia inglese al 100% ha dichiarato: «La famiglia reale si è dimostrata molto più avanti rispetto alle altre democrazie. Si tratta di una rottura rispetto al passato, inaspettata per una famiglia così legata all’etichetta. Mentre in molti paesi d’Europa si discute di migranti, si spinge per la chiusura, i Windsor accolgono un membro non perfettamente inglese!». La Regina felice del lieto evento? Certamente, è stata avvisata per prima e sui presunti malumori a Buckingham Palace Antonio Caprarica ha confidato all’Huffington Post: «Non succede niente a Buckingham Palace che la regina non abbia approvato. Certo, tante cose saranno state difficili da accettare per una donna di 95 anni abituata a tutt’altro. Non avrà apprezzato il matrimonio, così distante dalla tradizione, ma quello sinceramente non è piaciuto anche a me. Per il resto sono tutte invenzioni…».

«Non si era mai visto una reale incinta che mostrasse l’ombelico. Meghan è apparsa in numerosi scatti con abiti fasciati, per fare sfoggio del pancione!»

«Un Windsor mulatto non si è mai visto prima», ha spiegato Antonio Caprarica, giustificando così l’attenzione morbosa dei media sul colore della pelle del Royal Baby. Non mancheranno colpi di scena, anche perché Meghan Markle – e lo si è visto in questi ultimi mesi – sa come attirare i riflettori su di sé. Che sia stata una gravidanza diversa è chiaro a tutti, molto lontana da quelle del passato, come ha giustamente osservato l’ex inviato di Raiuno: «Non si era mai visto una reale incinta che mostrasse l’ombelico. Meghan è apparsa in numerosi scatti con abiti fasciati, per fare sfoggio del pancione. Quando la regina Elisabetta rimase incinta, i sudditi lo scoprirono 15 giorni prima del parto. Solo allora venne comunicato che la gravidanza impediva alla monarca di partecipare a impegni ufficiali. Era davvero un altro mondo». E sul nome? Come si chiamerà il Royal Baby? James Arthur è il favorito dei bookmaker, ma il giornalista non si sente di escludere Filippo, il nome del nonno a cui Harry è parecchio affezionato.

leggi anche l’articolo —> Meghan Markle ha partorito, a chi somiglia il Royal Baby? Spuntano le foto di lei da bambina

Written by Cristina La Bella

Cristina La Bella è redattrice di UrbanPost e LuxGallery. Nasce a Frosinone il 13 febbraio del 1991, quando in Ciociaria la neve non si vedeva ormai da anni e l’Italia tirava un sospiro di sollievo per la fine della guerra del Golfo. Sin da bambina sogna di diventare giornalista. Si laurea nel 2014 in "Lettere Moderne" e nel 2017 in "Filologia Moderna" all'Università La Sapienza di Roma. Il 16 aprile 2018 le viene conferito il riconoscimento di "Laureato Eccellente Sapienza" per il brillante percorso di studi. Cofondatrice di "Voci di Fondo", ha scritto, tra i tanti, con giornali quali "Prima Pagina Online", "Newsly" e "SuccedeOggi" e riviste letterarie come "Carte Allineate", "Fillide" ed "Euterpe". Nel tempo libero le piace leggere, vedere film e fare shopping. Il più grande amore: i suoi nipotini.

Royal baby, Thomas Markle: “Orgoglioso di mio nipote”, le parole del nonno

Salone del Libro 2019 ZeroCalcare

Salone del Libro 2019, ZeroCalcare diserta: polemiche contro espositore neofascista