in

Royal Baby: i dettagli del parto e le 11 ore di travaglio di Kate

 

Come se non sapessimo già più del dovuto il Daily Mail ha reso noti i dettagli del parto di Kate Middleton e della nascita dell’attesissimo Royal Baby o meglio del già amatissimo piccolo George, futuro re d’Inghilterra. La Duchessa di Cambrige, lo scorso 22 luglio, nella Lindo Wing del St Mary’s Hospital, a Londa, ha dato alla luce il suo primogenito dopo essere stata ricoverata alle 5,30 del mattino dello stesso giorno e aver sofferto, in travaglio, per ben undici lunghissime ore.

george e kate middleton

 

Nonostante ciò, però Kate ha mostrato tutta la sua tempra rifiutando l’epidurale e lasciando che il parto avvenisse nel modo  più naturale possibile, facendosi forte del fatto che il marito William era al suo fianco, pronto ad incoraggiarla, e che, dopo nove mesi, la voglia di vedere il bambino era in grado di vincere qualsiasi dolore. Al cospetto di Kate, però, giusto per tranquillizzare la futura mammina e per vegliare sulla sua salute e su quella del nascituro, oltre a Marcus Setchell, dottore di fiducia della Regina Elisabetta II, vi erano ben quattro ostetriche e numerose persone dello staff. Nulla sarebbe potuto andare storto.

 

Mentre, ora, le fan della Duchessa di Cambrige stanno correndo nei vari negozi per poter comperare una copia dell’abito con cui, da neo mamma, si è presentata davanti alla stampa e poter così cercare di assomigliarle, almeno un pochino, mentre tutti cercano di scoprire se il piccolo George, come molti bambini, abbia scambiato la notte per il giorno e viceversa e come le sue urla riempiano i castelli, ma soprattutto se la bis nonna e lo scapestrato zio gli abbiano già fatto visita, ottenendo, in cambio, un bel rigurgito sulla spalla, è trapelata la notizia che Kate, il cui abito è stato confezionato appositamente per l’allattamento, abbia latte a sufficienza e che si stia cimentando con i primi pasti del piccolo George.

 

Auto blu e l’emendamento che ne blocca i tagli

Fernando Alonso

F1: il deluso Fernando guarda oltre la Ferrari