in

Rush: il tocco anni ’70 di Gucci e Ferragamo

Un tocco anni Settanta per Gucci e Salvatore Ferragamo. Due illustri case di moda per raccontare un’epoca sportiva ormai lontana piena di eleganza, fascino e passione. Cinema e moda un’attrazione fatale che non sembra davvero conoscere crisi. Frida Giannini, stilista e direttore creativo della casa di moda più amata dalle star, ormai da anni alimenta con stile ed originalità il suo rapporto con il mondo del cinema, vedi la collaborazione con il vulcanico  attore James Franco. Rush 2

Frida ha accettato con grande entusiasmo di collaborare al film “Rush” per raccontare il folle mondo delle corse di Formula Uno, abbellendolo di quel glamour anni ‘70. La stilista si è dichiarata felice dell’opportunità di lavorare con Ron Howard, definendo la professione del pilota di F1 piena di fascino. Lo stile di James Hunt/Chris Hemsworth, secondo Frida, è caratterizzato  da una sensualità selvaggia  mentre quello di Suzy Miller/Olivia Wilde  incarna perfettamente lo stile Gucci, cioè allure sensuale unito alla naturalezza.

Per i costumi del rivale di Hunt, ovvero Niki Lauda/Daniel Brühl è stata chiamata invece  la maison Salvatore Ferragamo. Massimiliano Giornetti, stilista della celeberrima casa di moda, ha detto di aver creato un guardaroba partendo proprio dall’ossessione per la perfezione che caratterizzava Lauda, uno abituato a mosse strategiche in gara ma sorprendentemente attento  al suo stile fuori dalla pista. Ecco che nelle prime foto ufficiali lo vediamo indossare blazers dalle linee precise, Principe di Galles mentre la sua signora, interpretata da una meravigliosa Alexandra Maria Lara, indosserà denim scampanati, segno inconfondibile degli anni ’70 e bluse di seta. Un tuffo nostalgico ma pieno di stile.

Seguici sul nostro canale Telegram

L’idillio di Mila Kunis e Ashton Kutcher all’ombra della Muraglia Cinese

Napoli, bagarre per la maglia mimetica: accusa di plagio