in ,

Russia, paralimpiadi: Tas blocca gli atleti di Mosca, la rabbia di Medvedev “disgustoso”

Un cocktail disgustoso, l’80% è dato da ragioni politiche ed il 20% dal doping. L’esclusione degli atleti paralimpici dai Giochi di Rio è una decisione cinica e un colpo a tutti i disabili, non solo quelli russi. Il motivo è il desiderio di alcuni alti funzionari del movimento Paralimpico di eliminare forti avversari“, esplode la rabbia di Medvedev dopo la decisione del Tas di escludere la nazionale paralimpica della Russia dai giochi di Rio 2016.

Ma stando alle informazioni rivelate dal Tas, la decisione presa è adeguata ai fatti avvenuti in questi anni e dovuta alla mancata risposta di Mosca con prove che contraddicessero quanto emerso nelle scorse settimane. L’Ipc ha quindi operato un passo più deciso rispetto al Cio. La massima autorità competente in materia paralimpica ha fatto una scelta ben precisa, affermando così l’esistenza di un sistema russo corrotto e inaffidabile.

L’esclusione della Russia dalle paralimpiadi, stando a quanto si legge dai documenti della sentenza del Tasha effetto immediato a causa dell’incapacità di adempiere alle proprie responsabilità associative e in particolare all’obbligo di rispettare il codice antidoping dell’Ipc e il codice mondiale antidoping, di cui è anche uno dei firmatari“. La Russia non prenderà quindi parte ufficialmente alle Paralimpiadi in programma dal 7 al 18 settembre in Brasile. Una sentenza che ha un effetto dirompente, solo l’inizio di una guerra fredda dello sport.

replica il segreto

Replica Il Segreto oggi 23 Agosto 2016: ecco dove vedere la puntata

lettera anonima caso piscaglia

Guerrina Piscaglia news, lettera anonima ai carabinieri: “Cercate lì il corpo”