in

Sagre in Campania settembre 2015: feste popolari e borghi sottosopra, tra salsiccia e birra

Voglia di immergersi nel mondo appetitoso di una sagra paesana? L’inizio della stagione autunnale è uno dei momenti migliori per concedersi una gita fuori porta all’insegna del gusto: anche la Campania non vuole essere da meno e propone una ricca carrellata di feste popolari a cui partecipare.

Sagra del Pomodoro di San Marzano Dop, a Striano (NA), dall’11 al 13 settembre. Tutto è pronto per dare il “la” alla festa che invaderà di prelibatezze i Giardini di via Risorgimento. Il menù prevede pizza fritta al pomodoro, pennette alla siciliana, mozzarelle di bufala e altre specialità tipicamente mediterranee.

Borghi SottoSopra, dall’11 al 13 settembre nel Casertano. Voglia di musica, arte, intrattenimento e gastronomia? Tornano tre giorni di appuntamenti che illumineranno Villa Santa Croce l’11 settembre e a Piana di Monte Verna dal 12 al 13 settembre. La sagra può essere una buona occasione per apprezzare l’antichissima chiesa di Santa Maria a Marciano, costruita nell’anno 1000, con i suoi affreschi di pregio.

Festa della Birra e della Salsiccia Paesana, a Pomigliano d’Arco (NA). Dal 22 al 27 Settembre 2015 si fa festa nei pressi del mercato di Via Cosimo Miccoli 83, dove a fare da cornice agli stand gastronomici ci saranno prodotti artigianali, intrattenimento musicale e giochi. La festa, promossa dall’associazione culturale Pomilia Food&Fun, trasformerà il paese in un angolo di Baviera, senza rinunciare alla genuinità della carne locale: un’occasione da non perdere per chi ama l’abbinamento birra-salsiccia-patatine fritte, oppure per chi vuole provare la celebre porchetta di ariccia.

Pan Ammore e Tarantella”, ad Avella (Avellino), dal 26 al 27 settembre. Arte, musica popolare e gastronomia si incontrano nell’appuntamento organizzato per il quarto anno consecutivo dai giovani del gruppo Avellarte: da non perdere perché Avella si trasforma in un grande salotto, ospitando nelle piazze e nei portoni artisti di strada e lavoretti artigianali. Cosa mangiare? Dalle mozzarelle alle pizze fritte, dalla ricotta fatta sul momento alle sfogliatelle, fino ad arrivare agli immancabili babà. Per l’occasione sarà anche possibile prenotare delle visite guidate alle aree archeologiche del paese:

Se vi abbiamo convinto a partecipare, potreste pensare di prenotare un soggiorno di qualche giorno e godervi un intero weekend culinario all’insegna della genuinità.

Image Credit: Genotar/Shutterstock.com

Written by Corinna Garuffi

Trentun anni, laureata in Scienze della Comunicazione, lavora da anni nel sociale. Da sempre alla ricerca di notizie inerenti al mondo del volontariato e alle opportunità offerte dell’Unione Europea, è anche appassionata di fotografia, arte e cucina. Indossa per la prima volta le vesti di blogger.

caso ceste news a pomeriggio 5

Elena Ceste news, la difesa di Buoninconti passa all’attacco: “Elena era psicotica”

make up

Venezia 72: dal red carpet le tendenze make up più glamour per l’autunno 2015