in ,

Salah Abdeslam carcerato ‘vip’: detenzione di lusso e palestra privata, polemica in Francia

Salah Abdeslam, jihadista del commando Isis autore delle stragi di Parigi e Bruxelles, unico sopravvissuto della cellula terroristica e arrestato lo scorso 18 marzo, è rinchiuso nel carcere di Fleury-Mérogis, a sud di Parigi. In queste ore circola un’indiscrezione sul 26enne franco-belga che sta facendo molto discutere e lascia davvero basiti: il terrorista sarebbe infatti beneficiario di un trattamento speciale rispetto a quello riservato agli altri detenuti.

Salah Abdeslam, scrive La Stampa, avrebbe infatti a disposizione tutto il quarto piano del penitenziario, e addirittura una palestra personale. Salah – che da quando è stato tradotto in carcere si è sempre avvalso della facoltà di non rispondere di fronte agli inquirenti – vivrebbe in due stanze e “una terza sala è stata convertita, su sua domanda, in uno spazio dove potersi dedicare ad attività fisiche: ha già a disposizione un vogatore ma altri attrezzi stanno per essere installati. Una quarta sala, invece, è occupata dai secondini che lo controllano costantemente, con sei videocamere che possono zoomare su tutto”. Ne dà notizia Journal du dimanche.

A rendere il tutto più clamoroso e inammissibile, sapere che quello di cui si sta parlando è il carcere più grande e sovraffollato d’Europa, dove molti detenuti sono costretti a dormire nel pavimento su materassini. Per il terrorista dell’Isis, però, le cose non starebbero così. La sua sarebbe stata infatti definita “detenzione di lusso”: “Si sveglia alle 11 e cucina molto. Guarda molta televisione, soprattutto i reality, e ogni tanto legge il Corano”. Unico divieto per il detenuto speciale quello di uscire in cortile con gli altri, in quanto si temono reazioni e gesti inconsulti da parte dei carcerati nei suoi confronti.

Perché questo trattamento speciale al terrorista? Le indiscrezioni giustificano così: “Si vuole evitare che Salah Abdeslam si suicidi prima di rivelare i segreti” relativi alle stragi terroristiche del 13 novembre a Parigi. Una notizia, questa, fatta venire alla luce da Thierry Solère, deputato dell’opposizione di destra Les Republicains, che ha fatto una visita a sorpresa nel carcere di massima sicurezza, documentando quanto sopra riportato con la collaborazione di due giornalisti. Intanto la polemica in Francia si fa di ora in ora sempre più imponente.

Dove vedere Chelsea West Ham

Italia Euro 2016, le pagelle degli azzurri: Conte condottiero, difesa imperforabile

cena in bianco torino 2016

Cena in bianco Torino 2016: data e orari della serata più attesa dell’estate