in ,

Salario minimo: in Germania 8,50 euro all’ora per tutti e in Italia?

Ieri la Germania ha deciso: dal 1° gennaio 2015 qualsiasi lavoratore con contratto subordinato non potrà guadagnare meno di 8 euro e 50 centesimi l’ora. Un passo importante quello del governo della cancelliera Angela Merkel, che costerà alcune decine di miliardi di euro l’anno, ma che consentirà di rafforzare la pace sociale nella ex locomotiva d’Europa, fortemente provata dalla crisi.

Renzi Reddito Minimo

Anche se molti osservatori storcono il naso, il provvedimento tedesco inaugura una nuova fase per il welfare europeo, alle prese con numeri ancora impressionanti per quanto riguarda tasso di disoccupazione e tempi di “rientro al lavoro”. Tuttavia,  anche in Germania resta il problema dei milioni di lavoratori precari che non raggiungono comunque un reddito sufficiente per evitare il ricorso ad altri sussidi sociali.

E in Italia? Nel nostro paese il premier Matteo Renzi ha delegato al Parlamento la discussione sull’eventuale introduzione del reddito minimo. Ma se da un lato la norma potrebbe aiutare ad evitare lo scandalo di retribuzioni orarie sotto il livello di decenza, dall’altro non potrà aiutare più di tanto la creazione di posti di lavoro, anzi. L’unica soluzione per far ripartire le assunzioni è un nuovo netto taglio del costo del lavoro, questa volta però a favore dei datori. Ma sarà possibile con la politica di bilancio che ci chiede l’Europa? Con la disoccupazione di equilibrio in ulteriore crescita fino al 2015 e la debole crescita prevista sarà molto, molto difficile.

Written by Andrea Monaci

49 anni, è direttore editoriale di Urbanpost.it fin dalla sua fondazione nel 2012. Ha iniziato la sua carriera nel 1996, si è occupato principalmente di lavoro, criminalità organizzata e politica. Ha scritto per "Il Secolo XIX", "Lavoro e Carriere", "La Voce dei Laghi", "La Cronaca di Varese".

festival hip hop Bologna 2014

The JamBO 2014, dal 6 all’8 giugno Bologna si muove a ritmo di freestyle

Marco Asensio Willemsen facebook

Calciomercato: i club vogliono Asensio, il Messi delle Baleari (Video)