in

Saldo e stralcio e rottamazione ter Agenzia Entrate: ultimi giorni per aderire

Martedì 30 aprile 2019 scadranno i termini per aderire al nuovo piano di definizione agevolata delle cartelle esattoriali e domanda di saldo e stralcio per vecchi debiti. Dunque, rimangono solo pochi giorni per presentare richiesta sia per Rottamazione ter, la nuova agevolazione prevista dal Decreto Fiscale collegato alla Legge di Bilancio 2019, che per Saldo e Stralcio. L’Agenzia delle Entrate ha disposto, per l’occasione, l’apertura in via del tutto eccezionale e straordinaria degli sportelli, per chi volesse avere informazioni o aderire a queste tipologie di pace fiscale. Pertanto, sabato 27 aprile 2019 dalle 8.15 alle 13.15, sarà possibile ricevere assistenza su Rottamazione e Saldo e stralcio presso gli sportelli dell’Agenzia delle Entrate. Non sarà possibile, in questa circostanza, effettuare operazioni di cassa.

Rottamazione ter Agenzia Entrate, come aderire

Come già accennato, i contribuenti hanno tempo fino alle 23 di martedì 30 aprile 2019 per approfittare del nuovo piano di definizione agevolata delle cartelle esattoriali. Le modalità messe a disposizione per presentare domanda e sanare i debiti grazie a queste opportunità sono diverse. Per quanto riguarda Rottamazione ter, è possibile aderire alla Definizione agevolata 2018 scegliendo tre diverse modalità: online, tramite PEC e allo sportello. Procediamo con ordine.

Chi intendesse presentare la domanda online, può farlo in modo semplice e veloce compilando l’apposito form del servizio “Fai D.A. te”: possedendo le credenziali di accesso all’area riservata, non bisogna allegare alcuna documentazione; basta compilare i vari campi richiesti all’interno del form presente in area riservata e selezionare le cartelle che si intendono rottamare. Ciò è possibile anche per singoli debiti contenuti nella cartella/avviso. Chi, invece, non possiede le credenziali di accesso all’area riservata, può utilizzare il servizio “Fai D.A. te” presente nella pagina ma, in fase di compilazione, dovrà allegare in pdf la documentazione di riconoscimento e la dichiarazione sostitutiva che si trova all’interno del form.

Per presentare, invece, la domanda tramite PEC, è necessario inviare, entro il 30 aprile 2019, alla casella pec della Direzione Regionale di Agenzia delle entrate-Riscossione di riferimento, il Modello DA-2018 debitamente compilato in ogni sua parte, unitamente alla documentazione di riconoscimento. E infine, per inoltrare la domanda presso gli Sportelli di Agenzia delle entrate-Riscossione presenti sul territorio nazionale (esclusa la regione Sicilia), bisogna consegnare il Modello DA-2018, naturalmente compilato e firmato, sempre unitamente alla documentazione di riconoscimento.

Saldo e stralcio 2019, come fare domanda

Alle 23.59 del 30 aprile 2019 scadono anche i termini per presentare domanda di Saldo e stralcio. I contribuenti con debiti pendenti che si trovino in una situazione di grave e comprovata difficoltà economica, possono aderire utilizzando tre canali: online, tramite PEC e allo sportello.

Chi volesse aderire online, attraverso il servizio “Fai D.A. te”, dovrà compilare l’apposito form. Il servizio è disponibile sia nell’area riservata del portale www.agenziaentrateriscossione.gov.it sia nell’area pubblica per chi non possiede pin e password; in quest’ultimo caso sarà necessario allegare la documentazione prevista per il riconoscimento.

Chi possiede la PEC, invece, può inviare il modulo SA-ST, compilato in ogni sua parte, prestando attenzione ai dati Isee comprovanti la grave situazione economica, unitamente alla copia della documentazione di riconoscimento. In alternativa, si può presentare il modulo di adesione presso gli sportelli di Agenzia delle Entrate presenti sul territorio nazionale (esclusa la regione Sicilia). Per individuare lo sportello più vicino e il percorso per arrivarci, basta andare nella sezione “Trova sportello” del portale di Agenzia delle entrate-Riscossione. Sul sito sono presenti anche contatti, orari e giorni di apertura.

Leggi anche —> Reddito di cittadinanza, l’allarme dell’Ocse: «è troppo elevato rispetto ai salari»

Reddito di cittadinanza, l’allarme dell’Ocse: «è troppo elevato rispetto ai salari»

Maria De Filippi sul figlio: «Gabriele è stata la cosa più bella che mi potesse succedere»