in

Salerno, gattino ucciso e gettano in una fontana chiuso in un sacco di plastica

Un fatto davvero sconcertante è avvenuto in provincia di Salerno. Un gattino nero di pochi mesi è stato ucciso e gettato in una fontana, dopo essere stato chiuso all’interno di un sacchetto di plastica. Il gesto di violenza, che non è passato minimamente inosservato, è avvenuto precisamente a Rofrano in piazza Agnese Passarelli. Quanto accaduto, come riportato da Leggo, è stato denunciato da Rinaldo Sidoli, portavoce di Alleanza Popolare Ecologista. L’uomo ha chiesto di inasprite le pene per chi maltratta e uccide gli animali.

Salerno gattino ucciso

Leggi anche –> Taylor Mega contro Antonella Elia: «Ringraziami per averti riesumato, chi ti c**a più»

Salerno, gattino ucciso e gettato in una fontana

Il fatto sarebbe accaduto nella notte tra domenica 15 e lunedì 16 dicembre 2019. Il gattino è stato trovato morto chiuso in un sacco di plastica all’interno della fontana in piazza Agnese Passarelli a Rofrano. Gli animalisti hanno immediatamente fatto sentire la loro voce. Rinaldo Sidoli, portavoce di Alleanza Popolare Ecologista, come riportato da Leggo, ha dichiarato: «Una violenza del genere, su un animale indifeso, è sintomo di una personalità disturbata, in grado di fare del male anche alle persone. Per questo invitiamo chiunque sappia qualcosa a collaborare, anche in forma anonima. Chiediamo altresì al sindaco, Nicola Cammarano, di costituirsi parte civile nei procedimenti giudiziari che saranno avviati in caso di individuazione dei responsabili».

Gattino Ucciso Salerno

Le parole di Rinaldo Sidoli

Rinaldo Sidoli, sempre come riportato da Leggo, ha chiesto di inasprire le pene contro chi compie questi atti di violenza: «Un disegno di legge contro chi commette crimini contro gli animali è già pronto, va solo approvato e per questo torniamo a sollecitare il Governo. Gli animali non possono più attendere altri rinvii: il contrasto alla violenza contro gli animali e maggiori tutele nei loro confronti sono previsti anche dal programma di governo del M5S e del Pd. A quanto pare, non si tratta di una priorità, e intanto chi commette questi crimini non va mai in carcere».

Leggi anche –> Wanda Nara Instagram: sul letto, body sgambato e lato B in mostra: «Shock ormonale!»

Daniela Roveri sgozzata nell’androne di casa, archiviate indagini: killer ancora sconosciuto e libero di uccidere

Justine Mattera

Justine Mattera Instagram, irresistibile in lingerie: «Sensualità allo stato puro»