in

Salute, emicrania: conoscerla per combatterla

Un mal di testa dalle mille forme, che può condizionare in peggio la qualità della nostra vita. Di solito comincia con una fitta improvvisa dietro l’occhio, e poi va ad estendersi come una morsa che stringe ad intermittenza in un’area circoscritta della nostra testa. Chi non ne ha mai sofferto, almeno una volta nella vita? Si dice che sia ereditaria, una questione di famiglia. Vero. Ma non sempre, e non solo. Sono tantissimi i fattori che possono causarla:  lo stress, il cambiamento della pressione atmosferica, le mestruazioni (nelle donne), il cibo (pistacchi, cioccolato, formaggio), l’alcol, la qualità del sonno, il rumore etc.

Colpisce milioni di persone in tutto il mondo e non è un disturbo da sottovalutare, tanto che l’Organizzazione Mondiale della Salute (OMS) la considera tra te prime 20 cause invalidanti. La neurologa Rose Gianmarco, direttore della Hamilton Headache Clinic di Ontario, in merito alla differenza tra emicrania e semplice mal di testa, afferma: “Se pensate che non sia altro che un semplice dolore (magari più intenso), pensateci ancora”. Non sempre è invalidante, può scatenarsi in entrambe le tempie o nella nuca; tra i sintomi  la nausea, la sensibilità alla luce o al rumore, l’aumento del dolore con lo sforzo e, in rari casi, l’aura (luci intermittenti o cambiamenti del campo visuale).

Un metodo efficace per prevenirla è quello di annotare in un diario aggiornato tempi, modi, frequenza e circostanze del suo manifestarsi. Un atteggiamento superficiale e pregiudiziale che porta a considerarla un normale e innocuo mal di testa, porta chi ne è affetto a risolvere il problema con l’assunzione di una comune aspirina. Gli esperti però mettono in guardia: non bisogna ricorrere ai farmaci più di tre volte a settimana, non deve diventare un’abitudine. Ci sono piuttosto dei metodi alternativi che possono alleviare il dolore, tipo i massaggi, l’agopuntura o la pressopuntura. Altre terapie consigliabili sono la neurostimolazione del nervo grande occipitale, la terapia con i campi magnetici. Un dato interessante, poi, riguarda le donne che ne soffrono frequentemente: oltre il 70% di esse trarrebbe un miglioramento della condizione col sopraggiungere della menopausa.emicrania cibi che la provocano

Seguici sul nostro canale Telegram

Piazzapulita Corrado Formigli

Anticipazioni “Piazzapulita” 21 ottobre, ‘Scontenti tutti’: Aldo Busi racconta i giovani sconfitti e le generazioni senza speranza

Belen Rodriguez modella hot: lato B in bella vista sulla passerella di Imperfect