in

Salvini attacca Rousseau, ma il tweet si rivela un boomerang: «Hai la memoria corta!»

Sulla piattaforma Rousseau i sostenitori del Movimento 5 stelle si sono espressi con fermezza circa il nuovo esecutivo giallo-rosso: hanno votato a favore in 63.146, contrari in 16.488. Nel complesso si sono espressi in 79.634 iscritti su un totale di 117.194 e si tratta di un risultato che, come spiegato sul blog delle Stelle, sancisce “un record mondiale di partecipazione ad una votazione politica online in un solo giorno”. Via libera dunque al Conte bis, che stando alle parole di Luigi Di Maio finirà il ciclo dei cinque anni. Il leader della Lega ed ormai ex ministro dell’Interno Matteo Salvini crede invece, che «l’inciucio» durerà poco.

leggi anche l’articolo —> Piattaforma Rousseau cos’è, come funziona e quanto costa 

Salvini attacca Rousseau, ma il tweet si rivela un boomerang: «Hai la memoria corta!»

Oggi Giuseppe Conte salirà al Quirinale per sciogliere la riserva con cui aveva accettato l’incarico dal presidente della Repubblica Sergio Mattarella. E pensare che fino all’8 agosto scorso l’avvocato del popolo era garante di un governo giallo-verde, al quale ha staccato la spina Matteo Salvini, leader della Lega, che sin da subito ha espresso la volontà di andare alle elezioni. Su Twitter l’ex ministro dell’Interno ha contestato l’uso della piattaforma Rousseau (che a dire il vero ha fatto storcere il naso nei giorni scorsi anche a parecchi costituzionalisti!): «Arriverà il voto di 60 milioni di italiani, non di 60mila clic!».

leggi anche l’articolo —> Ultimi sondaggi politici: percentuali dei partiti se si votasse oggi

Il post però non è passato inosservato ai sostenitori del M5s, che hanno rinfrescato la memoria a Salvini, rammentandogli che, in passato, anche lui, seppur indirettamente, ha fatto ricorso alla piattaforma: a febbraio, i militanti del partito si sono espressi a favore dell’immunità per l’allora ministro dell’Interno in relazione al caso della nave Diciotti. «Matteo, non ci legge nessuno, ma ti ricordo che quella piattaforma qualche mese fa, ti ha salvato il c**o da un processo!», ha scritto un utente su Twitter e non è stato il solo: «Hanno votato quasi 80.000 persone. È un record mondiale. Si chiama democrazia diretta, quella che i partiti putrefatti (come il tuo) non usano con i loro elettori», si legge in un altro cinguettio. «Sono gli stessi click che ti hanno salvato da un processo… non mi pare che eri così infastidito quando ti hanno dato l’immunità per il caso Diciotti!!!», ha concluso un’utente. L’osservazione di Salvini si è rivelata un fatale autogol arrivato al 90′, quando la partita sembrava ormai chiusa: nel corso della giornata di ieri si è pensato a lungo che la trattativa tra Pd e M5s si concludesse con un nulla di fatto. Ennesimo boomerang per il leader del Carroccio, che ha aperto la crisi 27 giorni fa.

Salvini: «Sono contento di essere fuori da questo mercato delle vacche disgustoso!»

Nonostante il voto favorevole sulla piattaforma Rousseau, Salvini resta fermo nella sua opinione: «Il governo delle poltrone dura poco, non possono scappare dal voto per sempre. A testa alta, pronti a difendere gli Italiani e a tornare a vincere! Onore e dignità valgono più di 100 ministeri!», ha scritto su Twitter il leader della Lega, che ha ribadito «Mai col Pd! Possono promettermi di diventare presidente del mondo e io dico no. Per me l’onore e la dignità valgono più di mille poltrone!». Non è mancato poi l’affondo al presidente del consiglio incaricato«Conte da avvocato del popolo ad avvocato dei poteri forti, con il diktat dalla Merkel», ha chiarito Salvini, che ha “sferrato” anche una battuta ad effetto«Sono contento di essere fuori da questo mercato delle vacche disgustoso!». Qualche minuto fa però il leader della Lega ha annunciato una nuova diretta, che certamente farà il punto su quanto sta accadendo: «A differenza di Conte e di Di Maio non riesco a insultare le persone con cui ho governato per un anno. E non riuscirei nemmeno a passare da un partito all’altro nel giro di un mese!», ha scritto qualche minuto fa Salvini.

leggi anche l’articolo —> Governo Conte bis programma: la bozza di lavoro condivisa M5S-PD

 

Written by Cristina La Bella

Cristina La Bella è redattrice di "UrbanPost". Sin da bambina sogna di diventare giornalista. Si laurea nel 2014 in "Lettere Moderne" e nel 2017 in "Filologia Moderna" all'Università La Sapienza di Roma. Il 16 aprile 2018 riceve il riconoscimento di "Laureato Eccellente" per il suo percorso di studi. Cofondatrice di "Voci di Fondo", ha scritto, tra i tanti, con giornali quali "Prima Pagina Online", "Newsly", “SuccedeOggi" e “LuxGallery”. Nel tempo libero le piace leggere, vedere film e fare shopping. Il più grande amore: i suoi nipotini.

nicole frendo festival castrocaro

Festival di Castrocaro, Nicole Frendo tra le voci più belle: tutto su di lei

Francesca Brambilla Instagram, forme ‘serpentine’ e seno rigoglioso: «Tanta, tanta, tanta»