in

Sam Mendes si è convinto, dirigerà anche Bond 24

Sam Mendes, vincitore del Premio Oscar come Miglior Regista, con il suo film d’esordio,  “American Beauty”, ritorna a dirigere il 24° capitolo della saga di James Bond che s’intitolerà appunto “Bond24”. Lo stesso Mendes ha rilasciato una dichiarazione in cui dice di essere estremamente onorato che gli sia stato concesso il tempo necessario per portare a termine i suoi impegni teatrali e poter dirigere, quindi, la 24° avventura di James Bond. Non vede l’ora di tornare a dirigere Daniel Craig e lavorare, per la seconda volta, con i produttori Michael G. Wilson e Barbara Broccoli. Skyfall

I produttori Gary Barber, Chairman & CEO della Metro-Goldwyn-Mayer, Michael Lynton, CEO della Sony Entertainment, Inc, e Amy Pascal, Co-Chairman dell Sony Pictures Entertainment e soprattutto Michael G. Wilson e Barbara Broccoli, della EON Productions hanno ufficialmente confermato il ritorno di Sam Mendes dietro la macchina da presa per il nuovo film sul celebre 007 cinematografico. La nuova pellicola sarà interpretata da Daniel Craig e si baserà sulla sceneggiatura di John Logan e in Inghilterra uscirà il 23 ottobre del 2015 e negli Stati Uniti il 6 novembre, sempre dello stesso anno.

E pensare che sono passati solo pochi mesi da quando Mendes aveva dichiarato che non sarebbe tornato a dirigere la nuova avventura di Bond. Il cineasta, si era assunto diversi impegni teatrali ma il trionfo planetario del film, con un miliardo di dollari incassati nel mondo per “Skyfall”, hanno convinto i produttori a tornare alla carica con Mendes e lui, sicuramente, avrà fatto i suoi bravi calcoli con il portafoglio. Gli stessi produttori Wilson e Broccoli hanno commentato che, dopo lo straordinario successo di “Skyfall”, sono estremamente emozionati di tornare a lavorare con Sam Mendes, Daniel Craig e John Logan.

 

 

 

 

 

emma e francesca

Emma tormentata su twitter: “Sei lesbica forte, per questo Stefano ti ha lasciato”

Lady Gaga è tornata e su Facebook annuncia la data d’uscita del suo terzo album