in ,

Sampdoria: Eto’o perde la causa, 10mila al mese per la figlia

Samuel Eto’o dovrà pagare 450 mila euro di arretrati e un assegno di dieci mila euro alla sua ex fiamma, Anna Barranca, per il mantenimento della figlia Annie, oggi dodicenne, avuta durante la loro breve relazione. Il tribunale di Cagliari ha rigettato il ricorso in appello presentato dal calciatore quando ancora vestiva la maglia dell’Inter. Eto’o aveva infatti impugnato una sentenza del tribunale che fissava a 10 mila euro mensili l’assegno da versare alla mamma della figlia concepita in una notte di 13 anni fa a Maiorca.

Il fatto avvenne nel 2002. Eto’o non era ancora il fenomeno del Triplete, aveva diciannove anni ed era una giovane promessa del Maiorca con il numero 9 sulle spalle. Durante una sera di libertà, il giocatore camerunese si era recato in uno dei locali notturni delle Baleari e qui aveva conosciuto Anna Barranca, al tempo famosissima “pr”  nelle discoteche del posto e originaria di Iglesias, in Sardegna. Passati nove mesi da quell’incontro era nata Annie. Un tribunale spagnolo, al quale la donna si era rivolta, fece riconoscere la bimba a Eto’o, stabilendo anche che il calciatore avrebbe dovuto versare un assegno da tremila euro al mese per il mantenimento della figlia. 

Anna Barranca e la bambina poi sono rientrate in Italia, mentre Eto’o è diventato il campione che tutti conosciamo con uno stipendio da capogiro. Per questo motivo la donna aveva deciso di ripresentare al tribunale la domanda di adeguamento di quell’assegno mensile. La domanda era stata accolta ed è stata ora confermata in appello. Eto’o quindi dovrà pagare 10 mila euro al mese per far crescere la figlia e versare i 450mila euro di arretrati.

 

VIAREGGIO CADAVERE IN MARE

Peschereccio affondato a Civitanova Marche: sale a 4 il numero delle vittime

canone Rai come disdirlo

Canone Rai, ecco come disdirlo senza rischiare sanzioni