in

Samsung Galaxy Note 7 uscita news: continuano i casi di esplosione, ferito un bambino di sei anni

Gli utenti di Samsung Galaxy Note 7 non possono dirsi certamente soddisfatti dopo le pessime notizie riguardanti i casi di esplosione riscontrati sin dai primi giorni dalla sua commercializzazione. L’ultimo episodio si è verificato proprio qualche ora fa negli Stati Uniti a Brooklyn. L’utente ferito dal dispositivo non è però un adulto bensì un bambino di sei anni che stava utilizzando Note 7 per guardare dei video online.

->SEGUICI ANCHE SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK UFFICIALE: URBAN TECH

Come già segnalato precedentemente, l’azienda coreana, ha già provveduto al ritiro dello smartphone e fissato una data per il lancio dei dispositivi ‘sicuri’ ma, nonostante tutte le precauzioni adottate, sembra che gli utenti continuino a subire rischiosi incidenti.
Un grosso contraccolpo quello causato da Galaxy Note 7 su Samsung, l’azienda ha infatti perso in borsa più di 14 miliardi di dollari in pochi giorni. I danni subiti potrebbero inoltre propagarsi nel lungo periodo, soprattutto con l’arrivo del nuovo top di gamma Apple, iPhone 7. Ci si aspetta infatti che gli utenti delusi dal marchio coreano orientino i propri gusti a favore dell’ultimo sistema operativo firmato Apple. Per chi invece continua a sostenere la validità dei device Samsung può sempre effettuare il cambio con il suo Galaxy Note 7 danneggiato. Samsung ritirerà il device sostituendolo con un Galaxy S7 e S7 Edge a vostra scelta.

Samsung ha inoltre reso noto un database online con i numeri di serie dei Samsung Galaxy Note 7 difettosi, per questo motivo, ribadiamo quindi di controllare bene l’adesivo a forma tonda con una S posta a fianco dell’etichetta che mostra il numero di serie. Potrebbe essere un ottimo metodo per evitare situazioni pericolose con lo smartphone in questione.

parigi moto esplode davanti sede diplomatica giordana

Francia, 25 enne strangola la madre: voleva impedirgli di partire per la Siria e diventare jihadista

I personaggi più sfigati delle serie tv: Nikki e Paulo, “Lost” e morti male