in

San Lorenzo fai-da-te: alcuni consigli per vedere le stelle cadenti

Si avvicina il momento più romantico dell’estate: San Lorenzo, la notte delle stelle cadenti. E tutti gli innamorati si ritroveranno con il naso all’insù e con la mano nella mano, alla ricerca della loro stella cadente per giurare, al suo passaggio con un desiderio, amore eterno verso la persona amata.

stelle cadenti 1

Ma la notte dei desideri non è solo degli innamorati. È la notte di tutti i sognatori, di chi è in cerca dell’amore e di chi sa ancora stupirsi di fronte alla bellezza del creato. Vediamo di fornire qualche utile consiglio su come osservare al meglio la volta celeste, assaporandone tutto lo splendore (e lasciandosi cullare da un’atmosfera idonea). Prima, però, una breve spiegazione su questo fenomeno conosciuto anche come “Le lacrime di San Lorenzo“.

In realtà, non si tratta di stelle cadenti ma di uno sciame di frammenti di rocce e polveri  (meglio conosciuto come le Perseidi) provenienti dalla Swift-Tuttle, una cometa dal nucleo largo circa 10 km. Nel periodo che va da fine luglio alla prima metà di agosto lo sciame di meteoriti incrocia l’orbita terrestre e molti di questi vengono catturati dalla gravità iniziando a precipitare sulla Terra. La velocità è così rapida che i frammenti bruciano nell’impatto con l’atmosfera, producendo delle lunghe scie luminose nel cielo.

Lo spettacolo, già conosciuto agli antichi, aveva il suo picco massimo nella notte tra il 9 e il 10 del mese (dove era possibile osservare ad occhio nudo circa un centinaio di scie in un’ora). In questa notte, un uomo buono di nome Lorenzo, che aveva dedicato la sua vita al prossimo, venne ucciso su una graticola. Il cielo, allora, incominciò a piangere stelle (le lacrime di San Lorenzo) e l’uomo divenne santo. Col passare dei secoli, però, il picco si è spostato tra la notte del 12 e il 13 agosto.

cielo stellato zanzibar

In ogni caso, la notte del 10 resta sempre il punto di riferimento per questo evento. E sia che siano stelle o frammenti di cometa, quello che il cielo scuro regala ai nostri occhi, è uno spettacolo sublime che sembra mantenere sospesi lo spazio, il tempo e il nostro respiro. Per godercelo appieno è necessario, però, seguire alcuni semplici accorgimenti e qualche buon consiglio.

Prima di tutto, la scelta di luogo idoneo. Meno ostacoli geografici e urbanistici abbiamo attorno più ampio sarà l’orizzonte a disposizione. Per questo, la spiaggia resta sicuramente uno dei posti favoriti e non solo per la possibilità di avere una finestra fino a 360° sulla volta celeste (l’orizzonte tra acqua e cielo è piatto e senza ostacoli) ma anche perché spesso offre “conforts” naturali come una soffice sabbia su cui distendersi, l’aria dolce della brezza marina notturna e il suono rilassante delle onde.

Non sempre, però, il mare rappresenta un osservatorio ideale: ci sono spiagge situate tra le insenature di montagne e colline che finiscono a strapiombo nell’acqua e rappresentano un’ostacolo alla visione completa del cielo. Inoltre, l’atmosfera di molte località turistiche balneari è “disturbata” dalle luci notturne di lampioni, insegne luminose, fari di auto e di discoteche, etc., che rendono la visuale del cielo meno nitida.

Stelle cadenti cielo luminoso

Già! Il cosiddetto inquinamento luminoso. Le luci artificiali che si riflettono nell’aria appesantita dalle polveri sottili dell’inquinamento urbano, offuscano completamente la visione della volta celeste. Soprattutto se ci troviamo dentro (o nei pressi) di una grande città o una metropoli, la cui illuminazione notturna è massiccia e l’inquinamento elevato.

Per questo, è necessario scegliere un posto lontano dai centri abitati, spingendosi anche diversi chilometri nelle zone collinari o circondate da tanto verde. Oppure, pi può ricorrere ai grandi parchi, purché la luce dei lampioni sia minima. È sempre meglio preferire una ampia zona di verde piuttosto che un grande parcheggio o lo piazzale per il mercato rionale: il verde tende a rendere l’aria più tersa. Una idea potrebbe essere quella di andare nei castelli o antiche ville di paesini e cittadine medievali, che per l’occasione organizzano eventi e manifestazioni, a volte, gratuite.

Diverso il discorso per chi sceglie la montagna. Sicuramente l’altitudine e l’assenza di luci rendono il cielo davvero nitido, ma gli ostacoli rappresentati dalle catene montuose rendono l’orizzonte meno ampio e, a volte, assai limitato. Per questo è importante scegliere un altopiano o una zona pianeggiante situata sulla montagna con una quanto più ampia visuale possibile. E se non è possibile, cercate uno spazio da via dia la visibilità de cielo verso nord-ovest. Le Perseidi, infatti, passano più vicine alla terra in quella porzione di cielo, dove è situata la Costellazione di Perseo (da cui prendono il nome, perché sembrano provenire da lì).

stelle cadenti 8

Infine, alcuni consigli validi ovunque vi troviate:

1) Sdraiatevi completamente a terra in direzione nord-ovest, sopra una bella e morbida stuoia che vi isoli dall’umidità del suolo (spiaggia o prato che sia); in questo modo farete riposare anche la testa, visto che occorrerà un po’ di tempo per vedere qualche stella cadente.

2) Restate in questa posizione o in questa zona per almeno 15 – 20 minuti, senza mai spostarvi; in questo modo gli occhi potranno abituarsi alla scarsità di luce e riuscirete  a vedere più nitidamente il cielo.

3) Portate sempre con voi anche una coperta; i luoghi dove sostate (sia il mare che la montagna) possono essere più freschi di sera e più umidi; e una permanenza prolungata può costarvi un severo mal di gola!

4) In mare o in montagna, evitate le serate di luna piena; indubbiamente, molto romantiche ma vi rovinerebbero la ricerca di stelle cadenti.

5) Andate sempre in compagnia a guardare le stelle, soprattutto se vi trovate in luoghi isolati; e poi è bello condividere certe emozioni insieme a buoni amici o persone care.

Buon San Lorenzo… e non dimenticate di esprimere il vostro desiderio, non rivelandolo mai a nessuno. A meno ché non si avveri! 

Seguici sul nostro canale Telegram

Pagamento bollette con carta di credito: da oggi presso i punti vendita Lottomatica Italia

Difendersi dal caldo: alcuni importanti consigli