in ,

Sandra Mondaini e Raimondo Vianello a Domenica Live: l’ultima polemica sulla loro sepoltura

A Domenica Live si è tornati a parlare della coppia televisiva più amata dagli italiani, Sandra Mondaini e Raimondo Vianello. A ridosso del sesto anniversario della morte dell’indimenticabile Mondaini, Barbara D’Urso ha ospitato la famiglia filippina che i coniugi Vianello avevano di fatto adottato. Nello studio di Domenica Live, Sandra e Raimondo sono stati ricordati attraverso alcuni oggetti conservati nella loro casa dove la famiglia filippina adottata ad abitare: da un pupazzo di Sbirulino ai ferri per la maglia della madre di Raimondo Vianello. Barbara D’Urso ha sottolineato il forte legame d’affetto che si era creato tra i Vianello e la famiglia che avevano accolto a casa.

Barbara D’Urso ha voluto affrontare la polemica di questi giorni sul ricongiungimento delle tue salme dei coniugi Vianello che sono sepolti in città diverse. La famiglia filippina ha spiegato che sono state rispettate le volontà dei due artisti: lui voleva essere seppellito a Roma vicino ai suoi familiari e con le stesse motivazioni lei ha voluto essere sepolta a Milano. Dunque la polemica, ripresa anche da diversi quotidiani viene meno davanti alla volontà di Sandra e Raimondo Vianello.

Un altro aspetto approfondito da Barbara D’Urso, è stato quello dei fenomeni paranormali che si verificano nell’ex abitazione dei Vianello. Tutta la sua famiglia adottiva che continua a vivere nella casa dei Vianello, convive con molta serenità con la televisione che si accende e spegne improvvisamente, con sagome bianche che girano per la casa, con la doccia che si aziona nel cuore della notte.

Nata e cresciuta in Sicilia. Studi classici e giuridici, lettrice appassionata di poesie e letteratura. Convinta sostenitrice che esiste una seconda possibilità in ogni campo anche per l'Italia.

oroscopo marzo 2017 pesci

Oroscopo Paolo Fox Ottobre 2016, Pesci: le previsioni del segno

snapchat video spectacles

Snapchat Spectacles vs visori realtà aumentata: al via la battaglia del video social