in ,

Sangue infetto, Corte Strasburgo condanna l’Italia: “Stato paghi 20 milioni di risarcimento”

Scandalo sangue infetto: l’Italia è stata condannata dalla Corte europea dei diritti umani a risarcire oltre 800 cittadini infettati da virus di diversa natura attraverso trasfusioni di sangue cui hanno dovuto sottoporsi durante cicli di cure e/o interventi chirurgici. Sangue infetto che li ha di fatto portati a contrarre malattie quali Aids, epatite B e C.

Secondo la storica sentenza emessa quest’oggi dalla Corte di Strasburgo, il risarcimento che l’Italia è stata dunque condannata a pagare ammonterebbe a oltre 20 milioni di euro. La condanna al pagamento della maxi somma, evidenzia la clamorosa falla del Servizio sanitario nazionale, che non avrebbe garantito un efficiente e adeguato controllo del sangue destinato alle trasfusioni.

Ad essere interessati 889 cittadini italiani nati tra il 1921 e il 1993, che vivono tra Italia e Australia. Si valuta tuttavia che in totale gli italiani interessati dalle trasfusioni di sangue infetto sarebbero circa 60mila.

Carnevale 2015 Cento date ed eventi

Carnevale Cento 2016: date, programma e biglietti, tra spettacolo e balli brasiliani

Uomini e Donne Trono Over protagonisti

Anticipazioni Uomini e Donne puntata 14 Gennaio: in onda il trono over