in

Sanremo 2015: i Kutso e lo scherzo con Carlo Conti nella doccia

Chi ha fatto divertire di più durante la quarta serata del Festival di Sanremo 2015? Sono i Kutso, arrivati secondi nella gara canora, a sbaragliare la concorrenza in fatto di irriverenza con il simpatico scherzo della doccia.

Con la canzone “Elisa” il gruppo originario dei Castelli romani è riuscito a conquistare e divertire il cuore del pubblico: dopo la tenuta “fiorata” dell’esibizione di mercoledì, anche in occasione della finale la band non si è risparmiata presentandosi sul palco con un look tutt’altro che sobrio.

Vi siete persi questo spettacolo? Nessuna paura, ve lo raccontiamo noi: il chitarrista ha calcato il palco indossando la maschera di Carlo Conti con tanto di tenda da doccia al seguito (tanto da strappare al conduttore la battuta “Ma è uno scherzo del Kutso?!”), mentre il cantante, dopo il cubo di Rubik, ha sfoggiato prima un’ironica maglietta dove è disegnato un verme che pesca…il pescatore e a seguire una t-shirt con un pomodoro che fuma la pipa. Insomma, chi ha il coraggio di aprirgli il guardaroba si faccia avanti.

Perché tutto questo? Perché i segni distintivi dei Kutso sono energia, divertimento, estro, provocazione, irriverenza, allusioni (nemmeno troppo velate). Oltre, ovviamente, a tanta bravura, come dimostra un curriculum di tutto rispetto: dalla vittoria del 2007 all’Heineken Jammin’ Festival all’apertura dei concerti di tantissime band, tra cui Marta sui Tubi e Caparezza.

Bravi Kutso!

Written by Corinna Garuffi

Trentun anni, laureata in Scienze della Comunicazione, lavora da anni nel sociale. Da sempre alla ricerca di notizie inerenti al mondo del volontariato e alle opportunità offerte dell’Unione Europea, è anche appassionata di fotografia, arte e cucina. Indossa per la prima volta le vesti di blogger.

Ornella Vanoni imitazione Sanremo 2015

Sanremo 2015: una Ornella Vanoni fittizia consiglia ai cantanti di avere “un filo di voce e un filo di c……”

Sanremo pagelle vincitori Il volo

Sanremo 2015 quarta serata: gli eliminati, Giovanni Caccamo e il pathos di Emma