in

Sanremo 2015, tutte le novità del 65° Festival presentato da Carlo Conti

Si è conclusa da poco la prima conferenza stampa di presentazione della 65° edizione del Festival di Sanremo in diretta streaming dal Casinò della città dei fiori. Erano presenti, insieme al Direttore di Rai1 Giancarlo Leone e il presentatore e direttore artistico Carlo Conti, le vallette Emma Marrone ed Arisa, grande ritorno per la storia del Festival, che non ospitava una coppia di cantanti di successo sul palcoscenico dal 1987. Moltissime le novità per questa edizione, svela in anteprima Leone, tra cui quattro sistemi di votazione diversi, solamente 16 finalisti tra i 20 big in gara e molto altro.

Carlo Conti inizia il suo intervento affermando di sentirsi a casa, dopo aver partecipato a decine di programmi e manifestazioni collaterali al Festival di Sanremo durante la sua corriera. Lo slogan della 65° edizione sarà “tutti cantano Sanremo” e sarà appunto rappresentativo della voglia di far cantare tutti gli italiani con le 20 canzoni in gara, con la speranza che diventino vere e proprie icone della musica. Il presentatore toscano parla di un Festival pop e divertente, che ha l’unico scopo di mettere in scena una gara musicale di qualità. Durante la prima serata, che andrà in onda martedì 10 febbraio, si sfideranno le prime 10 canzoni dei campioni, votate per il 50% dai giornalisti della sala stampa e 50% dal televoto e applicazioni varie: alla fine della serata verranno resi noti i nomi dei 4 cantanti che sono a rischio eliminazione.

La seconda serata si svolgerà nello stesso modo, ma la sfida avrà inizio con le nuove proposte, giovedì invece sarà la serata dedicata alle cover di brani noti, reinterpretati in maniera alternativa dai concorrenti: al termine della terza serata verrà premiata la migliore cover con un fiore di nome Cover, creato appositamente per l’occasione. Venerdì invece la gara entrerà nel vivo, con l’elezione del vincitore delle nuove proposte e l’eliminazione definitiva di 4 big: ci sarà inoltre un cambiamento nel metodo di votazione, che sarà composta per il 30% da esperti (8 persone che hanno contatti con il mondo della musica, ovvero Claudio Cecchetto, Carlo Massarini, Massimo Bernardini, Andrea Mirò, Camila Raznovich, Marino Bartoletti, Paolo Beldì e Giovanni Veronesi), 30% giuria demoscopica formata da 300 persone dai 16 anni in su che voteranno da casa e 40% televoto classico. Sabato 14 si terrà la finale, con il televoto che ripartirà da zero, fino alla proclamazione delle 3 canzoni finaliste e il vincitore assoluto.

Al termine di ogni serata, andrà in onda in streaming dalla sala classica del Casinò uno speciale composto da alcuni contenuti che non possono far parte delle serate, tra cui interviste e commenti esclusivi, per seguire il Festival con un second screen. Sono attualmente in corso alcune trattative per gli ospiti stranieri,  per il momento è confermata solamente la presenza durante la prima puntata degli Imagine Dragons.

Michele Buoninconti in carcere

Omicidio Elena Ceste, i legali del marito chiedono l’archiviazione

Zapata Udinese

Ultime notizie calciomercato Napoli: l’Udinese vuole Zapata