in ,

Sanremo 2019, Cristiano Malgioglio dice la sua: «Festival cupo, triste, lento!»

«Ma era la prima serata del Festival di Sanremo, l’evento più importante della televisione italiana, o uno spettacolo in onda direttamente dalla Romania anni Settanta di Ceausescu? Cupo, grigio, noioso, triste, lento, senza un guizzo, senza un alito di vita, senza una ventata di freschezza…», esordisce così su Il Fatto Quotidiano Cristiano Malgioglio, il paroliere e opinionista, ex concorrente del Grande Fratello Vip, che non ha particolarmente gradito la prima puntata della 69esima edizione del Festival di Sanremo. 

Cristiano Malgioglio: le pagelle del Festival di Sanremo 2019

Nell’articolo, che porta la sua firma, Cristiano Malgioglio critica aspramente la scenografia, a suo avviso «troppo buia» e «i problemi di audio» che non hanno giovato ai primi cantanti che si sono esibiti all’Ariston ieri sera. All’autore di Gelato al cioccolato non è andata giù nemmeno la performance di Claudio Bisio e di Virginia Raffaele: «Bisio, o Brosio, o come si chiama, ha infilato una papera dietro l’altra, e non ha mai fatto ridere, si vedeva che era molto teso. Peccato. Virginia Raffaele? Si capiva che era in tensione, ma per fortuna riusciva a dare un po’ di sprint!». Cristiano Malgioglio ha trovato molto più a suo agio Claudio Baglioni, il direttore artistico del Festival, a cui rimprovera però la scelta di alcuni testi in gara. Non sono tanti i cantanti ad essere piaciuti al paroliere, fatta eccezione per Il Volo: «L’unica canzone che andrà oltre il confine italiano di Ventimiglia e che non verrà rispedita indietro con il dazio di Trump è quella de Il Volo, che sono rimasti tre ragazzi semplici anche se hanno cantato con Barbra Streisand, Lady Gaga, Tony Bennett!».

Festival di Sanremo 2019: promossi e bocciati secondo Malgioglio

Malgioglio ha speso parole buone anche per Loredana Berté, «con quel look da mamma Ebe, mi è piaciuta abbastanza: ritmata, viva, rock. Loredana è sempre Loredana, e questo è il suo pregio»,  per Nino D’Angelo, «alfiere della musica napoletana che merita sempre di essere riscoperta e valorizzata», e per Arisa: «e questa artista fosse nata in Francia, già sarebbe una star mondiale perché ha una voce bella, pulita, delicata». Cristiano Malgioglio ha trovato molto emozionanti le esibizioni di Cristicchi e di Silvestri. Parole velenose, invece, quelle rivolte a Enrico Nigiotti, che gli è sembrato alquanto «spocchioso» e a Patty Pravo, «mi sono piaciuti i tanti secondi di silenzio che hanno preceduto l’esibizione sua e di Briga». L’ex inquilino del Grande Fratello Vip affiderebbe il prossimo Festival a Barbara D’Urso e a Piero Chiambretti. 

leggi anche l’articolo —> Sanremo 2019, problemi tecnici per Patty Pravo e Briga: Claudio Baglioni svela il motivo

Sanremo 2019: Francesco Renga riserva al suo pubblico importanti novità

J-Ax e la rottura con Fedez: clausola milionaria per il silenzio