in

Santoro: “Governo Rodotà con Pd e 5 Stelle”, ma è fantascienza

Michele Santoro lancia dal sito di Servizio Pubblico la sua proposta di Governo per uscire dall’impasse post-elettorale. Pd e Movimento 5 Stelle insieme in un esecutivo guidato dal giurista Stefano Rodotà. Nella proposta, che il sito della popolare trasmissione ha messo online sotto forma di sondaggio per i lettori, figurano numerosi esponenti, politici e non, che potrebbero godere di un sostegno trasversale di democratici e Grillini, ma anche di ambienti vicini all’ex Premier Mario Monti

Governo Rodotà

Ma vediamo quali sono le proposte che dovrebbero mettere d’accordo (quasi) tutti. Oltre a Stefano Rodotà, Presidente del Consiglio, nel governo proposto da Servizio Pubblico ci sono Gino Strada Ministro della Sanità, Milena Gabanelli all’Istruzione, Carlin Petrini alle Politiche Agricole, Piercamillo Davigo alla Giustizia.  E fin qui i Grillini potrebbero essere d’accordo, almeno sui nomi.

Poi, però ci sono almeno tre o quattro nomi che farebbero sicuramente saltare sulla sedia Grillo e Casaleggio: il prefetto di ferro Anna Maria Cancellieri agli Interni, la montiana Irene Tinagli alle Pari Opportunità, e l’economista della scuola di Chicago Luigi Zingales all’economia. Per finire poi con Maurizio Landini al Welfare.

A parte il fatto che il Movimento 5 Stelle ha detto un giorno si e l’altro pure che mai appoggerà un “governo dei partiti”, questa proposta, a parte forse l’indicazione di Rodotà come Premier, ci sembra fantascienza pura. Che Santoro, leggendo della passione di Casaleggio per il genere “fantasy” abbia voluto accontentarlo?

MATTEO RENZI VEDE LA GRANDE COALIZIONE MA PENSA ALLE ELEZIONI

BEPPE GRILLO SUL BLOG: PD HA LA FACCIA COME IL CULO

CHI E’ VIOLA TESI, FIRMATARIA PETIZIONE ONLINE #GRILLODAMMIFIDUCIA

NUOVI ELETTI MOVIMENTO 5 STELLE: PARLA CARLO SIBILIA

Seguici sul nostro canale Telegram

Migliore Caffè e Thè a Milano: torrefazione e non solo…

ballando con le stelle

Altrimenti ci arrabbiamo: il nuovo show di Milly Carlucci su Rai 1 ad aprile