in ,

Sarah Scazzi omicidio: Sabrina e Cosima Misseri al processo d’appello oggi a Taranto

La Corte di Assise di Taranto, il 20 aprile 2013, aveva condannato Sabrina e Cosima Misseri all’ergastolo per l’omicidio di Sarah Scazzi, la quindicenne di Avetrana, scomparsa il 26 agosto 2010, strangolata nello stesso giorno, e i cui resti furono ritrovati tra il 6 ed il 7 ottobre 2010, in un pozzo.

Oggi, 14 novembre 2014, si riaprono le porte di un’aula di giustizia a Taranto, per il processo d’appello. Michele Misseri, padre di Sabrina e marito di Cosima, che in questi anni ha attirato molta attenzione su di sé, oggi ha 60 anni, sarà presente al processo?

Insieme a Sabrina, oggi 28 anni, in carcere da più di quattro, e a Cosima, 59 anni, in carcere da pochi mesi dopo della figlia, al processo d’appello ci saranno anche gli altri imputati coinvolti nell’omicidio della piccola Sarah, per cercare di far valere le loro ragioni: Carmine Misseri, Vito Russo jr, Giuseppe Nigro, Antonio Colazzo e Cosima Prudenzano. I legali di Sabrina hanno chiesto per lei gli arresti domiciliari.

Giornata Mondiale del Diabete 2014: consulenze gratuite ed eventi in tutta Italia

Empoli-Fiorentina highlights video gol Serie A

Fiorentina news Ilicic: “Hanno offeso la mia famiglia”