in

Sarah Scazzi revisione processo? Sabrina e Cosima sperano, mamma Concetta risponde

Omicidio Sarah Scazzi: Sabrina Misseri pronta all’eventuale contrattacco. Sta scontando in carcere l’ergastolo insieme alla madre Cosima Serrano, ma entrambe si professano innocenti. Le loro rispettive difese hanno fatto ricorso alla Corte europea di Strasburgo contro la sentenza della Cassazione, ricorso che è stato ritenuto “ammissibile”. Le due donne dunque sperano in una possibile riapertura del caso e attendono con ansia il verdetto dei giudici.

Ricorso “ammissibile”: Sabrina Misseri e Cosima Serrano sperano nella revisione del processo

Ciò significa che qualora il succitato ricorso venisse accolto, il tristemente noto caso di cronaca giudiziaria che nel 2010 sconvolse l’opinione pubblica italiana potrebbe essere riaperto. Una eventualità non poi così remota, come anche di recente ha dichiarato il legale di Sabrina Misseri, il Principe del Foro professor Franco Coppi, in merito ad una possibile revisione del processo: Sabrina Misseri è l’angoscia della mia vita. La notte mi capita ancora di pensare a questa sciagurata e a sua madre […] e prove della sua innocenza e della colpevolezza del padre reo confesso erano talmente schiaccianti che non riesco a capacitarmi di questo fallimento, il ricorso per Cassazione mi ha procurato una delusione insanabile. Questa ragazza sta in carcere da dieci anni: per me è un tormento. Attendiamo di conoscere l’esito del ricorso, i tempi non sono brevi. Poi non ci resterà che sperare nella revisione del processo”. 

Sarah Scazzi, la madre non teme eventuale revisione del processo

Concetta Serrano, madre della povera Sarah Scazzi nonché sorella di Cosima e zia di Sabrina, dal suo canto si dice convinta della colpevolezza delle due donne e non teme nemmeno la possibile revisione del processo. “La verità è già stata scritta, provo compassione e amarezza, non si pentiranno mai”. Nonostante la condanna, infatti, Cosima e Sabrina – che condividono la stessa cella nel carcere di Taranto – non si rassegnano e si professano innocenti. “Non avrei mai voluto che mia sorella e mia nipote fossero le responsabili dell’orribile omicidio della mia bambina, ma sono state inchiodate dalle prove e durante i processi non sono riuscite in nessun modo a dimostrare la loro innocenza. I giudici sicuramente sarebbero stati più clementi se loro avessero confessato la verità!”, così mamma Concetta in una recente intervista al settimanale Giallo. “Sono state inchiodate da ampie prove che dimostrano la loro colpevolezza: una marea di testimoni, intercettazioni, perizie e altro ancora”. Sarah “Mi manca tanto, la sua perdita influisce su tutta la mia vita. Non potrò vederla crescere. È come se parte della mia vita sia stata strappata con violenza. Quando entro nella sua cameretta, ogni cosa mi parla di lei e mi viene un nodo alla gola”.

Potrebbe interessarti anche: Sabrina Misseri e Cosima Serrano non meritavano l’ergastolo? Parla Franca Leosini

valentina vignali

Valentina Vignali Instagram, sempre più sensuale: «Qui la situa si fa calda»

Mondiali di Basket 2019, Italia Angola: gli azzurri portano a casa un’altra vittoria