in ,

Sasso da cavalcavia nel Torinese: camionista illeso racconta di essere vivo per miracolo

Sasso contro auto, è accaduto di nuovo. Mentre le indagini sull’episodio avvenuto due sere fa a Cernusco sul Navigliio, costato la vita a una donna di 62 anni – morta di infarto per lo shock sebbene rimasta illesa – le indagini per risalire al lancio di un sasso in calcestruzzo di oltre un chilo contro la sua auto si starebbero concentrano sui residenti e i frequentatori della zona dell’episodio.

Il sindaco ha lanciato un appello alla città tramite un video su Facebook: “Chi ha visto qualcosa o pensa di poter aggiungere elementi utili per individuare i responsabili di questo gesto si rivolga al più presto e con fiducia alle forze dell’ordine che da giovedì notte sono incessantemente al lavoro e che stanno raccogliendo elementi preziosi per individuare i colpevoli”

>>> Milano sasso contro auto: donna muore di infarto per lo shock <<<

Intanto La Stampa fa sapere in queste ore di un episodio analogo avvenuto Torino, in cui fortunatamente il conducente dell’auto è rimasto illeso e ora racconta la sua disavventura“Sono ritornato a casa, da Torino a Foggia, e ancora mi tremavano le gambe. Avevo dei pezzi di vetro fino nelle scarpe ma almeno sono vivo”. Si tratta di Arcangelo Antonacci – la sua testimonianza è stata ripresa anche da TgCom 24 – un camionista 48enne al quale è stato sfondato il tetto in vetro del suo mezzo da un sasso di oltre 2 chili, lanciatogli contro mentre era al volante, nei pressi di Torino. La pietra non lo ha colpito, è stata miracolosamente deviata dalla tenda parasole dell’abitacolo del camion, che lo ha solo sfiorato, fermandosi sul sedile alla sua destra.

La bravata sarebbe stata opera di un gruppetto di ragazzi, il camionista li avrebbe visti: “Tre, quattro ragazzi. Con le biciclette”. Dopo l’accaduto l’uomo ha chiamato subito le forze dell’ordine, le quali hanno sequestrato la grossa pietra che poteva ucciderlo e i frammenti del vetro distrutto. Ha raccontato loro l’esatta dinamica dei fatti, tutti i particolari che ricordava, nella speranza che servano a identificare i responsabili dell’accaduto. Hanno lanciato il sasso da un cavalcavia e le telecamere della zona potrebbero avere ripreso il loro arrivo sul posto o la fuga dopo la bravata. Intanto la Polstrada ha inviato una prima relazione di quanto accaduto alla procura, dove è stato aperto un fascicolo di inchiesta per ‘lancio di oggetti pericolosi e danneggiamento’.

New Italian Cinema Events 2017: dal 14 al 17 novembre a New York il nuovo cinema indipendente italiano

giallo di giulianova news

Renata pittrice scomparsa news cadavere: una ciocca di capelli chiari potrebbe risolvere il caso