in ,

Scadenze fiscali dicembre 2017, mese di pagamenti per gli italiani: ecco quali adempimenti vanno rispettati (INFO UTILI)

Scadenze fiscali dicembre 2017, sarà un mese da cerchiare in rosso sul calendario fiscale 2017. L’ultimo dell’anno, infatti, presenta alcuni adempimenti a cui bisogna prestare parecchia attenzione. Ovvero? Dalla scadenza di Imu e Tasi al primo acconto del versamento Iva 2017 e non solo. Ecco tutto quello che c’è da sapere…

Leggi anche: come funziona il reddito di inclusione

Scadenze fiscali Imu e Tasi dicembre 2017

Secondo quanto comunicato dal Dipartimento delle Finanze, il 18 dicembre 2017 è fissato il termine per il versamento del saldo Imu e Tasi, le due imposte sulla casa che formano la IUC. Il Ministero, lo scorso novembre, ha diffuso alcune utili istruzioni su come calcolare la seconda rata Imu e Tasi dovuta per l’anno in corso. La naturale scadenza per il pagamento del saldo dei tributi locali, fissata al 16 dicembre di ogni anno, è oggetto di proroga di legge poiché cade di sabato. Si ricorda di controllare le delibere dei Comuni per prendere visione di variazioni di aliquote, riduzioni o esenzioni.

Leggi anche: Errore calcolo Tari, come funziona il rimborso?

Scadenze fiscali Irpef, Inps e Iva dicembre 2017

Come riporta il sito specializzato sul mondo fisco, “Informazione Fiscale”, il mese di dicembre 2017 prevede delle scadenze importanti in termini di imposte.

Per quanto riguarda gli adempimenti IRPEF, la scadenza del 18 dicembre 2017 riguarda il versamento delle ritenute alla fonte a titolo d’acconto operate dai sostituti d’imposta:

  • redditi di lavoro dipendente e assimilati corrisposti nel mese precedente. Oltre alle ritenute il sostituto d’imposta deve versare anche le addizionali comunali e regionali;
  • redditi di lavoro autonomo corrisposti nel mese precedente, provvigioni per rapporti di commissione, di agenzia, di mediazione e di rappresentanza corrisposte nel mese precedente. Il codice tributo da utilizzare in questo caso è 1040 con periodo di competenza 11/2017.

Nello stesso modello F24 è possibile pagare anche i contributi INPS dovuti dal datore di lavoro sulle retribuzioni corrisposte nel mese precedente. Sempre entro il 18 dicembre 2017 bisognerà effettuare il versamento dell’Iva dovuta a novembre 2017 per i contribuenti con liquidazione Iva mensile: il versamento dovrà essere effettuato con modello F24 e codice tributo 6011 nella sezione erario.

Dl Fiscale 2018 testo

Leggi anche: la nota dell’Agenzia delle Entrate sulle scadenze fiscali dicembre 2017

Scadenze fiscali Versamento acconto Iva 2017: il 27 dicembre ultimo giorno utile

Dicembre 2017 rappresenta anche il termine ultimo per effettuare il versamento dell’acconto Iva 2017. Il giorno da cerchiare in rosso è il 27 dicembre 2017.  Il calcolo del versamento dell’acconto Iva 2017 si può effettuare nei seguenti metodi:

  • metodo storico: l’acconto Iva è pari all’88% dell’Iva versata per il mese o trimestre del’anno precedente, prendendo come riferimento la liquidazione Iva 2016;
  • metodo previsionale: calcolo acconto Iva in base ad una previsione delle operazioni effettuate nell’ultima parte del 2017, mese o trimestre sulla base del tipo di contribuente. Anche in questo caso bisognerà versare l’88% dell’imposta dovuta;
  • metodo analitico: il calcolo si basa sulle operazioni effettuate entro il 20 dicembre 2017 e l’acconto è pari al 100% dell’importo derivante da un’apposita liquidazione che comprende l’Iva

sondaggi elettorali, ultimi sondaggi elettorali, sondaggi elettorali centrodestra, sondaggi elettorali centrosinistra, sondaggi elettorali m5s, sondaggi elezioni politiche, sonodaggi politiche 2018

Silvio Berlusconi età, altezza, peso, figli, vita privata oggi, divorzio: tutto sul Cavaliere (FOTO)

morte pittrice renata rapposelli news

Renata Rapposelli news, le dichiarazioni della farmacista: “Era molto agitata e confusa”