in ,

Scandalo Fifa, Jack Warner è pronto a parlare e a mettere nei guai Blatter

L’FBI lo aveva fatto sapere sin dalle prime ore dallo scoppio dello Scandalo Fifa: siamo solo all’inizio. Dopo i primi arresti e le dimissioni di Blatter, arrivano anche le prime disponibilità a collaborare con l’FBI. Si tratta di Jack Warner, ex numero uno della Concacaf (Federazione del Centro e del Nord America) ed ex numero 2 della Fifa, ha confessato di voler vuotare il sacco. “Blatter sa perché è caduto – ha detto Warner in una trasmissisione televisiva di Trinidad- e lo so anch’io, non ho più intenzione di stare in silenzio. Anche se temo per la mia vita.”

Lo stesso Warner ha poi dichiarato di essere in possesso di documenti e assegni che mettono relazione alti dirigenti Fifa, tra cui lo stesso Blatter, con l’elezione del 2010 in Trinidad. “Mi scuso soltanto per non aver rivelato prima questi fatti, ma da adesso non mi farò più problemi a vuotare il sacco. Neanche la morte potrà fermarmi.” Warner, arrestato e poi rilasciato su cauzione, molto presto potrebbe chiarire molti aspetti di questo scandalo che ha coinvolto la Fifa.

Mentre da Washington arrivano le reazioni positive per le dimissioni di Blatter, non vengono accolte con molta positività le parole del segretario generale Jerome Valcke, che ha annunciato di non aver alcun motivo per dimettersi. La prima conseguenza alzata da questo polverone sembra essere quasi intuitiva: ci sono grossi rischi per Russia e Qatar di veder riassegnate le edizioni dei Mondiali del ’18 e del ’22; a causa di votazioni alquanto sospette. Intanto la talpa dell’FBI, Chuck Blazer, ha ammesso che sono state pagate tangenti anche per il Mondiale in Francia del 1998.

ian-somerhalder-nikki-reed-viaggio-nozze

The Vampire Diaries 7: Ian Somerhalder delude i fan, le scuse dell’attore

Caso Guerrina Piscaglia padre gratien

Pomeriggio 5 anticipazioni puntata 4 giugno: caso Guerrina Piscaglia news