in ,

Scarpe da calcio quali scegliere: come acquistare, consigli utili

Ad ogni mestiere il suo strumento, così come ad ogni sport corrispondono alcuni elementi fondamentali da cui il praticante non può prescindere. Per il calcio ad esempio, oltre al pallone le scarpe svolgono un ruolo fondamentale, sia per quanto riguarda il confort di gioco che per quanto riguarda la qualità che si può esprimere con una calzatura adeguata. Quando ognuno di noi si reca in un negozio di articoli sportivi oppure più semplicemente va alla ricerca di scarpe da calcio su internet, il primo grande dilemma che si trova a dover affrontare è quali scegliere? Ma non solo, anche il modo in cui si acquista una scarpa deve essere ben ponderato cercando di comprendere a fondo quali saranno le esigenze a cui dovremo andare a far fronte. Ecco alcuni consigli utili su come acquistare le scarpe da calcio e quali scegliere, in base alla pratica, alla superficie e alle condizioni del campo di gioco.

Scarpe da calcio quali scegliere: i consigli utili, la suola e il terreno di gioco

La scelta delle scarpe da calcio è essenziale per avere confort e sicurezza durante il gioco. Per prima cosa, tra i nostri consigli utili, vogliamo inserire la differenziazione delle suole; partiamo dalle scarpe con suola FG (Firm Ground) adatte cioè ad un tipo di terreno compatto, caratteristica dei campi naturali che non hanno subito alterazioni atmosferiche né dal punto di vista della pioggia nel dal punto di vista della troppa secchezza. In genere si tratta di scarpe con 11 o 15 tacchetti, realizzati in poliuretano rigido, abbastanza alti e con forma triangolare, circolare o lamellare. Troviamo poi le scarpe con suola HG (Hard Ground) adatti a campi con terreni duri; il numero dei tacchetti è maggiore rispetto alle FG in modo da far presa e garantire una buona trazione; abbiamo poi le Soft Ground (SG) adatte ai terreni morbidi, fangosi, sia in erba che in terra. Il numero dei tacchetti in questo caso si abbassa a 6 o a 8, realizzati generalmente in alluminio; il materiale in questo caso è il più duro e resistente in assoluto rispetto agli altri tacchetti e per questo le SG sono sconsigliate per terreni duri: il loro utilizzo potrebbe provocare problemi alla pianta del piede ed eventuali distorsioni. Infine troviamo una nuova tipologia di suola per le scarpe da calcio, la AG (Artificial Ground) nata con l’avvento dei campi in erba sintetica anche per il calcio a 11; il numero dei tacchetti qui è molto alto, in alcuni casi anche fino a 30 e sono più piccoli. Questo tipo di suola è adatto ai campi sintetici di ultima generazione ma può essere utilizzato anche sui campi sintetici normali e sui terreni naturali duri.

Scarpe da calcio quali scegliere: i consigli utili, giocatore esperto o occasionale?

Ricapitolando il quadro dato in precedenza sulle tipologie di suola, le indicazioni su quali scarpe da calcio scegliere dipendono molto dal campo di gioco: per un campo naturale o in erba sintetica in buone condizioni, prediligiamo scarpe tradizionali (13 o 15 FG), con tacchetti tondi in generale per aumentare l’aderenza e agevolare i cambi di direzione, con quelli lamellari se si va alla ricerca di un buon grip sui campi in erba naturale. Per i campi con i terreni più duri consigliamo sempre scarpe 13 che garantiscono una buona presa mentre per i terreni, scarpe con 6 tacchetti in alluminio. Proseguiamo poi parlando della pratica: se siete giocatori occasionali, prediligete scarpe che possano durare a lungo, con una buona presa al suolo; se siete giocatori regolari invece per voi il discorso si amplia, con la calzatura che deve garantire anche un buon tocco di palla. Infine i giocatori esperti, nella scelta delle scarpe da calcio prediligeranno calzature che garantiscono leggerezza e confort, con un costo maggiore rispetto alle altre tipologie.

Palermo, l’allenatore Corini si dimette: ecco i sostituti per la panchina

pressione alta, pressione alta dieta, pressione alta cosa mangiare, pressione alta sintomi, pressione alta alimentazione, pressione alta rimedi,

Pressione alta dieta: sintomi e cosa mangiare per tenerla sotto controllo con il freddo