in

Sciopero dei metalmeccanici in tutta Italia: basta morti sul lavoro

Sono 500 i morti sul lavoro dall’inizio dell’anno ad oggi, un numero terrificante che rappresenta e descrive una situazione assai drammatica. Ecco perché allo sciopero dei metalmeccanici, indetto dalle segreterie nazionali di Fim, Fiom e Uilm in tutta Italia per mercoledì 21 settembre, parteciperanno compatti in molti.

Un’ora a fine turno per dimostrare la propria volontà di cambiare le regole – o forse la coscienza – di un Paese che conta veramente troppe vittime. Un numero di morti sul lavoro inaccettabile, che non sono mai conseguenza di casualità e sfortuna ma sicuramente di una mancanza nel rispetto delle regole di sicurezza che tutti, dal primo all’ultimo, dovrebbero rispettare.

Procedure professionali errate e superficiali, sistemi di prevenzione inadeguati sul posto di lavoro. A condire il tutto una precarietà sempre crescente che contribuisce, e non poco, allo sviluppo del fenomeno. Con lo sciopero dei metalmeccanici si vuole chiedere contratti nazionali, che darebbero certamente ai lavoratori maggiore possibilità di difendere i propri diritti, oltre che abituare una popolazione alla cultura della sicurezza.

Appuntamento a mercoledì 21 settembre, per dire basta alle morti sul lavoro. Fim, Fiom e Uilm invitano tutti gli interessati a partecipare in maniera coesa all’iniziativa. Perché la vita delle persone, il lavoro e le condizioni in cui esso si svolge non possono essere subordinate all’interesse economico.

RIMANI AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS DI LAVORO CON URBANPOST

Written by Giuseppe Cubello

Studente all'Università Magna Graecia di Catanzaro. Innamorato dello sport. Sogno di diventare presto giornalista pubblicista.

manila falso allarme aeroporto

Manila, aereo isolato perché “sotto minaccia”, ma è falso allarme: pulsante emergenza azionato per errore

Dove vedere Frosinone Pisa

Dove vedere Frosinone – Pisa: ora diretta tv, streaming gratis Serie B