in

Sciopero di due giorni del Corriere della Sera

Con un annuncio a sorpresa il Corriere della Sera stringe i pugni e proclama uno sciopero di due giorni. Il Cdr del quotidiano ha infatti fatto sapere che mercoledì e giovedì il Corriere della Sera non sarà in edicola, il sito online non sarà aggiornato, e non usciranno tutti gli inserti settimanali.

I giornalisti dell’importante testata attraverso questi scioperi vogliono respingere nettamente il piano di ristrutturazione che è stato presentato ieri dalla direzione aziendale. Piano che prevede una riduzione dell’organico di 110 giornalisti su un totale di 355. Per il Cdr il taglio di “parti rilevanti delle retribuzioni effettive, la possibile vendita di sedi e riduzioni di pagine. Meno giornalisti, meno risorse significano semplicemente un Corriere meno autorevole e meno autonomo”.

sede corriere della sera via solferino milano

I giornalisti definiscono “suicida” il piano dell’azienda del primo quotidiano italiano, sottolineando che quello proposto non è un piano ma “un grossolano e inaccettabile intervento che mira alla distruzione del Corriere della Sera”. Il Cdr fa sapere inoltre che continuerà a denunciare come alcune politiche aziendali  – ad esempio quella dell’acquisto del gruppo editoriale spagnolo Recoletos, che ha causato centinaia di milioni di debiti – abbiano portato all’attuale situazione della Rcs MediaGroup: “senza quelle scelte il gruppo avrebbe le risorse necessarie per affrontare la crisi”.

Seguici sul nostro canale Telegram

Quinta Colonna, show di Orlando Portento contro Grillo: “Vi spilla i soldi”

Mourinho torna all’Inter? “Sarebbe un piacere”