in ,

Scomparsa Maelys news 34enne arrestato: spuntano delle immagini altamente sospette

Scomparsa Maelys ultime notizie: ci sarebbero nuovi elementi a carico di Nordahl Lelandais, l’ex militare 34enne amico del padre della bimba scomparsa, arrestato con l’accusa di averla sequestrata la notte del 27 agosto scorso, durante una festa di matrimonio a Pont-de-Beauvoisin, nell’Isere. Nega ogni addebito il sospettato, tuttavia ha ammesso da subito che Maelys è salita sulla auto, forse per controllare se all’interno vi fossero i suoi due cani. Auto che l’uomo ha lavato meticolosamente all’indomani della festa di nozze di cui ha fatto parte, “perché l’ho messa in vendita”, ha asserito.

Ed è proprio questo particolare che ha da subito insospettito gli inquirenti. A tal riguardo la Procura ha recuperato il video della stazione di autolavaggio dove l’uomo ha ripulito la sua Audi; ebbene, i frame confermerebbero lo zelo eccessivo del 34enne nel lavare la vettura, quasi a voler eliminare tracce compromettenti (si ricordi infatti che nella vettura è stato rinvenuto il Dna della bambina scomparsa).

Scrive a tal riguardo la testata locale ‘7SUR7’, riprendendo la notizia di BFM TV: “In quelle immagini lo si vede insistere molto a lungo sulla portiera d’ingresso, lato passeggero (proprio dove è stata ritrovata la traccia biologica di Maelys ndr); viene anche visto spruzzare un pulitore nel tronco, un prodotto che viene solitamente utilizzato per pulire i cerchi e che ha la particolarità di ingannare l’olfatto dei cani …”.

Questo nuovo elemento aggiunge ulteriori sospetti degli inquirenti nei riguardi dell’indagato, già più volte caduto in contraddizione durante i primi interrogatori. L’uomo avrebbe anche inventato che Maelys è salita sulla sua auto in compagnia di un bambino biondo, che le indagini hanno appurato essere inesistente. Un’invenzione del 34enne per depistare le indagini, che fa oltremodo vacillare a sua già compromessa posizione.

Leggi anche —> Scomparsa Maelys, il 34enne arrestato non era sulla lista degli invitati alle nozze: perché è andato alla festa

C’è poi anche il giallo del secondo telefono cellulare dell’uomo: due giorni dopo la scomparsa della ragazza, il sospetto avrebbe disattivato una delle sue due linee telefoniche. Una sim di cui “non ha più bisogno e che ha funzionato male”, ha spiegato agli inquirenti. Spiegazione ritenuta non credibile.

Il Segreto, intervista esclusiva a Carmen Canivell: “Ecco cosa succederà a Gracia”

Terremoto oggi Catania: scossa magnitudo 3.3 vicino a Bronte