in ,

Scomparsa Maria Chindamo: il figlio sul luogo del sequestro, ecco le sue parole

Non si dà pace, Vincenzo, il figlio di Maria Chindamo“Sono venuto sul terreno di mia madre un paio di volte forse… Per organizzare un po’ il da fare. Per, non lo so, trovare qualche elemento che potesse essere utile. Ma… Proprio poche volte, due-tre forse” – queste le sue parole ai microfoni della trasmissione Chi l’ha visto? – “…Dopo questo evento (il sequestro della madre ndr), nonostante io sia cresciuto su questa terra, provo quasi disgusto a camminare qui, perché diciamo, penso a cose negative, non so… Non sapendo dove possa essere mia madre, io inizio man mano a disprezzare questa terra che ha visto morire mia mamma”.

L’imprenditrice agricola calabrese è sparita nel nulla la mattina del 5 maggio scorso. Forse qualcuno l’ha pedinata fino alla sua azienda sita a Nicotera (Vibo Valentia), dove aveva un appuntamento di lavoro con il suo operaio Alexander, o forse qualcuno la stava aspettando lì per tenderle l’agguato mortale, conscio che nessuno lo avrebbe visto e al corrente degli spostamenti della donna quel giorno.

>>> LEGGI LE ULTIME NOTIZIE SULLA SCOMPARSA DI MARIA CHINDAMO

Nessuno sembra aver visto e sentito qualcuno o qualcosa di sospetto in quella fascia oraria (erano da poco passate le 7), nonostante vi siano all’ingresso della tenuta i segni tangibili di una brutale aggressione che, ipotizzano gli inquirenti, non può essere avvenuta in silenzio, in quanto la vittima avrebbe reagito al suo (o suoi) aggressore.

Sì, l’ho immaginato diverse volte in diversi modi … In pochi minuti tutto di fretta, tanta violenza, tanto dolore“, dice Vincenzo, descrivendo il sequestro e (purtroppo più che presunto) omicidio della sua mamma, così come lui li ha immaginati, in attesa che le indagini possano rivelargli come davvero siano andate le cose quel terribile giorno.

Programmi RaiDue

Canone Rai 2016 in bolletta: le novità sulla prima rata di luglio

Incidente ferroviario Puglia: dopo lo scontro tra treni, Sangiorgi vicino alla sua terra