in ,

Scomparsa Maria Chindamo: solo due persone sapevano del suo appuntamento di lavoro, ecco chi

Forse una telecamera potrà essere decisiva nelle indagini relative alla scomparsa di Maria Chindamo. Non quella della sua azienda agricola di Nicotera (Vibo Valentia), dove è stata brutalmente aggredita e sequestrata, ma quella piazzata nella villetta esattamente di fronte al cancello di ingresso della tenuta.

In questi giorni è infatti in corso una perizia dei Ris su quei filmati, che potrebbero avere ripreso passare l’aggressore (e i suoi possibili complici) della imprenditrice calabrese misteriosamente scomparsa il 5 maggio scorso.

>>> ULTIME NOTIZIE SULLA SCOMPARSA DI MARIA CHINDAMO

Qualcuno che ha agito con astuzia, ben conscio che la telecamera all’ingresso dell’azienda Chindamo fosse fuori uso, certo che a quell’ora del mattino (erano da poco passate le 7) nessun occhio indiscreto lo avrebbe visto.

Solo due le persone, oltre ai figli della donna, erano a conoscenza del fatto che quella mattina Maria Chindamo avesse un appuntamento di lavoro con il suo operaio Alexander. Lui stesso ieri lo ha confermato ai microfoni di L’estate in diretta: “Solo io sapevo che la mia titolare doveva venire qui in azienda. Io e un altro operaio che doveva fare un lavoro”. Una cerchia ristrettissima di persone, dunque, erano a conoscenza degli spostamenti della donna quel giorno.

Italia Repubblica ceca qualificazione pre olimpico

Basket Italia Preolimpico Torino, Gallinari e Hackett all’unisono: “Siamo un grande gruppo”

Ermal Meta concerti 2016, il “Lupo” parte con il suo tour estivo: ecco tutte le date